Golem, lo spirito dell'esilio

Golem, l'esprit de l'exil

FRANCIA, GERMANIA - 1992
Golem, lo spirito dell'esilio
Naomi fugge a Parigi in esilio col marito e i due figli, guidata dal Golem, la creatura d'argilla che aiuta gli esuli e i vagabondi. Ma la sorte avversa colpisce la donna, che prima perde il marito in un incidente, poi i suoi due figli, uccisi da razzisti. La donna, cacciata di casa, si rifugia presso un parente che vive vicino un bosco magico.
  • Altri titoli:
    Golem, the Ghost of Exile
    Golem, the Spirit of the Exile
  • Durata: 95'
  • Colore: C
  • Genere: DRAMMATICO
  • Produzione: AGAV FILMS, CANAL+, FRIEDLANDER FILM PRODUKTION
  • Distribuzione: IMC - INTERNATIONAL MOVIE COMPANY - SAN PAOLO AUDIOVISIVI

CRITICA

"Il Golem inaugura un trittico dell'esilio. Ormai, dati i tempi d'uscita in Italia, il secondo episodio girato in Russia, dovrebbe essere sul punto di uscire. La poetica dello smarrimento che ha fatto grande la cultura ebrea dell'est in questo secolo, l'angoscia suicida di Joseph Roth, l'ironia disperata di Issac Bashevish Singer, hanno molto a che vedere con questo, ma non tutto. Gitai fa un passo avanti: trasforma la tragedia in arma, il vuoto in possibilità di nuova pienezza. Più che illustrare l'esilio, lo rivendica e lo annuncia. E non è discorso che riguardi solo i revanscismi locali, le oscene purezze etniche di Milosevic. E' tema con cui deve misurarsi chiunque oggi voglia fare politica, come si dice con orrida immagine a sinistra. Cioè chiunque debba sfuggire alle sirene del rinnegamento e insieme a quelle non meno pericolose, perfino più subdole, della nostalgia e della rivendicazione di identità." (Andrea Colombo, 'Il Manifesto', 3 aprile 1993)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy