Golden Gate

USA - 1994
Golden Gate
Negli anni Cinquanta, la giovane recluta Kevin Walker viene arruolato nell'FBI e assegnato alle investigazioni sulle attività antiamericane. Per fare carriera, fa incriminare con prove false il sindacalista Chen Jung Song e si trova così coinvolto nella sua vicenda familiare. E' il suo rapporto con la figlia dell'uomo Marilyn, a farlo pentire del suo passato. Ma, nella vita, si può veramente cambiare?
  • Durata: 100'
  • Colore: C
  • Genere: POLIZIESCO
  • Specifiche tecniche: 35 MM (1.85:1)
  • Produzione: SAMUEL GOLDWIN COMPANY CON AMERICAN PLAYHOUSE THEATRICAL FILM
  • Distribuzione: LAUREN FILM

NOTE

- REVISIONE MINISTERO SETTEMBRE 1994.

CRITICA

"E' la storia del patriottismo made in USA con le sue gesta poco eroiche, con azioni gialle ed emozioni civili, tutte mantenute soltanto in parte. Perché, anche per colpa di un Dillon inadeguato, 'Golden Gate' resta un film impostato e non vissuto, tecnicamente dolce ma privo di vitalità interiore. Non scatta lo sdegno civile e il protagonista guarda invano lo spettatore casual estivo chiedendogli un'impossibile complicità. E la pubblicità promette una 'graziosa, piacevole commedia'." (Maurizio Porro, 'Il Corriere della Sera', 1° agosto 1995)

"Diretto da un Madden che nulla fa per far dimenticare la provenienza televisiva 'Golden Gate' sarebbe stato definito in tempi pretelevisivi una bufala estiva, un fondo di magazzino. Da qualunque parte lo si esamini, non sta in piedi. E' insensata la traiettoria esistenziale del protagonista che nel '52, giovane recluta dell'F.B.I., sull'onda alta della caccia alle streghe comuniste, fa condannare con prove false a dieci anni un sindacalista cino-americano, poi si pente e infine si pente di essersi pentito. [...] Matt Dillon era già un attore opaco quando, giovinetto, fu lanciato da due film di Coppola; a trent'anni è diventato un attore ottuso. In un soprassalto di lucidità il suo personaggio dice: 'Essere un americano medio può diventare imbarazzante'. Soprattutto per noi spettatori." (Morando Morandini, 'Il Giorno', 30 luglio 1995)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy