GLI IMPENITENTI

OUT TO SEA

USA - 1997
GLI IMPENITENTI
Per quanto in età non più giovanissima, Charlie Gordon conserva una incontenibile passione per le corse dei cavalli, che lo porta a dilapidare le proprie sostanze. Messo alle strette dai creditori, Charlie escogica uno stratagemma nel quale coinvolge il cognato e coetaneo Herb Sullivan, di carattere tendenzialmente opposto: si tratta di imbarcarsi su una nave da crociera diretta ai Caraibi. Charlie fa credere ad Herb che si tratta di una vacanza, ma in realtà, per aggiudicarsi il passaggio gratuito, Charlie ha impegnato se stesso ed Herb come accompagnatori nella sala da ballo. A bordo i problemi dei due si complicano, quando Gil, arrogante e ambizioso direttore della crociera, comincia a gettare un'attenzione particolare su quegli strani tipi: Charlie non conosce un passo di danza ed Herb è bravo ma un po' arrugginito. Ben presto Charlie comincia a corteggiare Liz, bella e, sembra, danarosa, mentre Herb, vedovo e ancora molto legato al ricordo della moglie, sente una inaspettata attrazione per Vivian, elegante signora di mezza età, imbarcata a forza per farla distrarre dalla figlia e dal genero. I due amici inseguono così obiettivi diversi che però, inevitabilmente, finiscono per intrecciarsi, causando guai, equivoci e intoppi a non finire. Charlie dimostra molta abilità al tavolo da gioco e Liz lo ritiene un ricco uomo d'affari. Ma la situazione si complica, e i due amici devono lasciare la nave su una scialuppa. Anche Liz e la madre vanno via su un piccolo aereo da turismo sul quale sale anche Vivian. Dall'alto vedono la scialuppa e fanno salire i due occupanti. Herb rivede Vivian e i due si baciano. Charlie e Liz si confessano di essere entrambi al verde e si dichiarano innamorati. Sulla nave il vecchio direttore, licenziato dal ruolo, ora fa l'accompagnatore.
  • Durata: 101'
  • Colore: C
  • Genere: COMMEDIA
  • Produzione: DAVIS ENTERTAINMENT COMPANY
  • Distribuzione: TWENTITH CENTURY FOX

CRITICA

"Due mattatori affiatati che tengono banco rubandosi la scena e le battute in continuazione. E, a far da cornice, una commedia degli equivoci con venature romantiche, contrattempi continui, situazioni farsesche, dialoghi a mitraglia. Gli ingredienti per un cocktail di sicuro effetto ci sono tutti. Il resto lo fanno numeri musicali scelti con cura e coreografie di lusso. Dove, fra gli altri, figura anche l'impareggiabile Donald O'Connor, il frenetico ballerino dell'indimenticabile Cantando sotto la pioggia". (Enzo Natta, 'Famiglia Cristiana', 9 agosto 1998)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy