Gioventù bruciata

Rebel Without a Cause

USA - 1955
Gioventù bruciata
Jim, Judy e Plato, tre studenti universitari, vengono fermati, con altri giovani, perché sospettati di aver bastonato un uomo, abbandonandolo poi svenuto sul ciglio della strada. Judy viene ricondotta a casa della madre. Plato, che non vive con i genitori, che sono divorziati, viene affidato alla sua governante di colore. Per Jim arrivano al Commissariato i genitori e la nonna, che inscenano un litigio familiare. L'indomani Judy rifiuta un passaggio in automobile offertole da Jim. Più tardi egli la vede in mezzo ad un gruppo di studenti capeggiati da Buzz, che si mostrano ostili con lui. Dopo aver assistito ad una conferenza, Buzz e i suoi amici aspettano Jim: Buzz lo schernisce e lo schiaffeggia. Alla fine i due stabiliscono di misurarsi in una gara detta "chickle run": si tratta di correre in auto a grande velocità, verso il margine di uno spiazzo roccioso, oltre il quale il terreno scende a precipizio nel mare. Dei due concorrenti quello che, saltando dalla macchina, si troverà più vicino al precipizio, sarà il vincitore. Jim si lancia tempestivamente dalla macchina; Buzz resta impigliato alla maniglia dello sportello e precipita in mare. Malgrado il parere contrario dei genitori, Jim decide d'informare la polizia. Gli amici di Buzz vorrebbero impedire a Jim di parlare coi poliziotti, ma non riescono a trovarlo e intanto malmenano Plato. Jim, che non è riuscito a far intervenire la polizia, si rifugia con Judy in una villa abbandonata, dove li raggiunge Plato: aggredito dagli amici di Buzz, Plato spara e fugge. Ora interviene la polizia, chiamata dai parenti, e Plato viene colpito per errore. Jim, costernato, piange presso l'amico morente.
  • Durata: 111'
  • Colore: C
  • Genere: DRAMMATICO
  • Specifiche tecniche: CINEMASCOPE; DCP (2014) - WARNERCOLOR
  • Produzione: WARNER BROS. PICTURES
  • Distribuzione: WARNER BROS. (1955); IL CINEMA RITROVATO-CINETECA DI BOLOGNA (2014) - PER LA RIEDIZIONE: PIC - WARNER HOME VIDEO (GLI SCUDI) - BLU-RAY: WARNER HOME VIDEO (2013)
  • Riedizione 1977, 2014
  • Vietato 16
  • Data uscita 6 Novembre 2014

NOTE

- CANDIDATO ALL'OSCAR 1956 PER: MIGLIOR ATTORE NON PROTAGONISTA (SAL MINEO), ATTRICE NON PROTAGONISTA (NATALIE WOOD9 E SOGGETTO.

- NEL 2014 VIENE RIPROPOSTA IN SALA LA COPIA PROVENIENTE DA WARNER BROS. PER CONCESSIONE DI PARK CIRCUS, RESTAURATA DA WARNER BROS. IN COLLABORAZIONE CON THE FILM FOUNDATION, GRAZIE AL CONTRIBUTO DI GUCCI E THE FILM FOUNDATION.

CRITICA

"Il leggendario 'Rebel Without Aa Cause' del lontano 1955 torna a mostrarsi nella bellezza di un restauro realizzato da Warner Bros. in collaborazione con The Film Foundation di Martin Scorsese e il contributo di Gucci. (...) All'epoca James Dean aveva 24 anni, era al suo secondo film: dopo il terzo si sarebbe schiantato elevandosi a Mito assoluto di una generazione. Violento, sovversivo, sensuale e massacrato dalle censure (anche italiana), girato in b&n e poi rifatto a colori: 'Gioventù bruciata' è l'America dei '50s in esplosione, e Dean ne fu uno degli interpreti più tormentati. Da rivisitare, al cinema." (Anna Maria Pasetti, 'Il Fatto Quotidiano', 6 novembre 2014)

"Un film mitico. Che quasi sessant'anni ha conservato l'impatto per via di una regia (Nicholas Ray che allora era considerato tra i primi dieci al mondo) e di un attore (James Dean) che forse non fu il migliore della sua epoca, ma certo rimase quello che meglio seppe incarnare le inquietudini dei teenager di ogni tempo (non per nulla furono chiamati allora «dean-ager). Il film lo vidi da ragazzino e fui folgorato. Come credo saranno folgorati i ragazzini di oggi (per almeno due scene fulminanti: la corsa in auto verso il precipizio, e la cineconferenza all'osservatorio). Dopo la folgorazione, i ragazzini si chiederanno: perché quel titolo originale, 'Rebel Without a Cause', ribelle senza una causa? Perché allora, alla metà degli anni 50, non c'era alcun motivo (esterno) per ribellarsi. Il mondo occidentale era in pieno boom. In America, in Italia, in Inghilterra e nei paesi scandinavi, dove alla prosperità si accompagnava il welfare. Ma giovani si ribellavano comunque, probabilmente per far capire al mondo (e soprattutto a se stessi) che c'erano anche loro. Venti anni dopo, i motivi della rivolta sarebbero stati (e sono) più solidi, dolorosi e inquietanti." (Giacomo Ferrari, 'Libero', 6 novembre 2014)

"Il film prospetta il dramma dell'adolescenza spinta ad una sterile ribellione dai disinganni sofferti nella vita familiare. Il lavoro ha pregi non comuni: buona l'interpretazione, ottima quella del protagonista, molto efficace la regia, serrato il montaggio, buona la fotografia, appropriato il commento musicale." ('Segnalazioni Cinematografiche', vol. 39, 1956)

"E' il film che fece di James Dean un divo, emblema della gioventù irrequieta e ribelle degli anni '60 e confermò in Ray uno dei cineasti più sensibili e originali di Hollywood. Sequenze memorabili. Tutti bravi." (Laura e Morando Morandini, 'Telesette')

"Dei tre film che hanno creato il mito di James Dean, questo è certamente il più noto, il più amato e il più mitico. Nicholas Ray era un regista trasgressivo, e sarebbe un errore leggere il film come uno studio realistico sul fenomeno rappresentato. L'importante è non mitizzare i personaggi per evitare la tentazione dell'emulazione. Genitori e figli ne discutano pure." (Francesco Mininni, 'Magazine italiano TV')
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy