Giù il sipario

ITALIA - 1940
Un giovane di provincia, che ha pretese letterarie, ottiene di far rappresentare da una compagnia teatrale di passaggio un suo lavoro. Il suo desiderio è accettato sia perché il giovanotto è nipote di un danaroso zio, come perché è innamorato della figlia del capo comico. Ma lo zio; che vuole stroncare le aspirazioni letterarie del nipote, ottiene mediante congruo compenso che il capo comico faccia naufragare l'opera. Pentitosi, però, a metà spettacolo ottiene ugualmente - dietro doppio compenso - che il lavoro riesca un vero e proprio trionfo. La vicenda si conchiude con una felice promessa di matrimonio tra il neo autore e la figlia del capo comico.

CAST

NOTE

LUNGHEZZA 2092 METRI
MONTAGGIO CON LA COLLABORAZIONE NON ACCREDITATA DI RAFFAELLO MATARAZZO
FRANCESCO SAVIO IN "MA LA MORE NO" ATTRIBUISCE A MARIA DE MATTEIS, OLTRE CHE I COSTUMI, ANCHE LA SCENOGRAFIA.
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy