Ghiaccio

ITALIA - 2021
3/5
Ghiaccio
1999, Roma. Giorgio, giovane promessa della boxe, vive con la madre nella periferia degradata della città. Il padre, assassinato anni prima, ha lasciato in eredità al figlio un debito con la malavita che non gli permette di essere un uomo libero. Con l'aiuto di Massimo, che ha un passato nella boxe e vede nel ragazzo il grande campione che lui non è riuscito a diventare, Giorgio ha finalmente la possibilità di riscattarsi, entrando nel mondo del pugilato professionistico. Ma la malavita di periferia non lascia mai scampo a chi non si piega alle sue regole.
  • Colore: C
  • Produzione: LA CASA ROSSA CON TENDERSTORIES
  • Distribuzione: VISION DISTRIBUTION (2022)
  • Data uscita 7 Febbraio 2022

TRAILER

RECENSIONE

di Giulia Lucchini

Da pochissimo Fabrizio Moro si è esibito con il brano “Sei tu” sul palco di Sanremo, con il quale ha vinto il premio Sergio Bardotti per il miglior testo. Vero e proprio veterano del famoso festival canoro (sei volte per lui, con una vittoria nella sezione Giovani e la conquista del massimo premio tra i “Big” in coppia con Ermal Meta nel 2018), novellino invece al cinema, dove per la prima volta debutta come regista, insieme ad Alessio De Leonardis, con Ghiaccio.

Un’opera che mette al centro il tema del pugilato, ma che in realtà parla d’amore, proprio come la sua ultima canzone cantata al Teatro Ariston, che fa parte della colonna sonora del film.

Girato al Quarticciolo, un quartiere della periferia di Roma, il film racconta la storia d’amicizia tra Giorgio (Giacomo Ferrara), un giovane aspirante pugile, e il suo maestro Massimo (Vinicio Marchioni).

Nel cast anche Lidia Vitale, Emanuele Propizio, Beatrice Bartoni e Claudio Camilli. Massimo ripone in Giorgio tutti i suoi sogni e le sue speranze: il giovane infatti potrebbe diventare professionista. Ma soprattutto potrebbe dare una svolta e cambiare la sua vita, tirandosi finalmente fuori dalla malavita che non lo molla.

Non era facile affrontare un film sul pugilato (sport alquanto inflazionato al cinema) eppure i due registi, proprio come due bravi boxeur, così come la coppia Marchioni-Ferrara, riescono nell’impresa.

Complici la scelta di lasciare il ring e i guantoni sullo sfondo e di focalizzarsi sulle storie di strada che Moro e De Leonardis ben conoscono (“io sono cresciuto a Roma nel quartiere periferico di San Basilio, lui a La Rustica”, dice Moro), ma anche l’evidente affinità professionale tra i due, che hanno svariate collaborazioni per videoclip alle spalle e ovviamente la grande alchimia tra i due protagonisti.

Reduce dal successo al festival di Sanremo, Moro dunque si accinge a proseguire su questa strada anche al cinema con Ghiaccio, che ha già conquistato il primo posto al box office, ora in sala come evento fino al 9 febbraio distribuito da Vision Distribution e poi sulle piattaforme di Sky e Mediaset. Da bravo cantautore e a bravo regista il passo è breve.

NOTE

- REALAIZZATO IN ASSOCIAZIONE CON L'UNIVERSITÀ TELEMATICA SAN RAFFAELE ROMA IN COLLABORAZIONE CON SKY E IN COLLABORAZIONE CON RTI.
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy