Gente felice

ITALIA - 1957
Gli abitanti della frazione di Cerchiano vogliono avere un proprio cimitero. Tanino, che è il factotum del paese, mosso anche dalla speranza di un vantaggio economico, si reca in città dal deputato, che è nativo di Cerchiano, ed ottiene la concessione del terreno. La relativa pratica resta però bloccata per la ragione che nel corso dell'anno la mortalità non raggiunge nel paese la percentuale minima prescritta: per essere precisi, manca un morto. Cerchiano, delusa nelle sue aspirazioni, attende trepidante la morte di qualche ottuagenario, ma tutti godono ottima salute. Scoppiano nel frattempo litigi e scandali, che mettono a repentaglio la tranquillità del paese: Roberto, figlio di un possidente del luogo, è conteso da tre fidanzate; il parroco deve interporre i suoi buoni uffici per dirimere le contese e calmare gli animi agitati, il povero Tanino è fatto bersaglio agli strali dei compaesani. La soluzione del problema, che più turba gli spiriti, viene recata inaspettatamente dallo stesso onorevole. Il deputato viene a Cerchiano per un comizio: avendo preso la parola, è colto durante il discorso da un attacco cardiaco e muore. Il paese, che ha raggiunto così la prescritta percentuale, potrà avere il suo cimitero.

CAST

CRITICA

"L'idea iniziale che ha dato origine a questo film è senz'altro buona e piuttosto fuori dall'ordinario. [...] Si tratta nel complesso di un film decoroso, spesso divertente [...]". (E. Fecchi, "Intermezzo", 14/15 del 15 agosto 1957).
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy