Gente così

ITALIA - 1948
A Trebilie, nell'Alta Lombardia, vicino al confine svizzero, il contrabbando è un'attività quasi normale e nessuno la considera criminosa. Poiché il sindaco fa il barbiere, gli affari del paese si discutono nella di lui bottega, e alle discussioni partecipa anche il parroco, don Candido. A turbare la tranquillità di quest'ambiente patriarcale viene la nuova maestrina elementare. La ragazza è una progressista e con le sue idee e le sue iniziative si mette contro le donne e i benpensanti, mentre il buon parroco cerca di conciliare, di metter pace. Il governo vuol costruire una certa diga, ma i paesani vi sono contrari: quando giungono i tecnici per rilievi topografici, i paesani, sobillati dalla maestrina, li aggrediscono e succede il finimondo. La maestrina s'è innamorata di un giovane contrabbandiere, al quale ha insegnato a leggere. Allorché questi fugge a Milano, la ragazza lo segue e divengono amanti. Dopo qualche tempo essa ritorna al paese: anche il giovane, che si crede abbandonato, ritorna e si dà di nuovo al contrabbando. Un giorno, ferito dai finanzieri, cade in un burrone ed è morente. Avendo saputo che la maestrina sta per renderlo padre, manda a chiamare la ragazza. Don Candido li sposa in extremis.

CAST

NOTE

ASSISTENTI ALLA REGIA: CARLA RAGIONIERI, BENVENUTI LEO. - ISPETTORE DI PRODUZIONE: CARLO SERRUTINI. - OPERATORE: ANTONIO BELVISO.

CRITICA

"[...] Gli argomenti non sono stati molti, né Guareschi e Cerchio sono riusciti a infondere ai pochi che hanno trovato un'intima forza di convinzione [...]. Regia incostante, discrete le figure di controllo del sindaco e del parroco [...]".(C. Rossi, "Hollywood", n. 235 del 1950).
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy