FUGA DALL'ARCIPELAGO MALEDETTO

ITALIA - 1982
Guerra nel sud est asiatico: un pilota americano è incaricato da alcuni affaristi di armi suoi vecchi amici di rifornire i ribelli, ma nel rientrare alla base il suo aereo viene colpito dalle forze regolari. Da quel momento il pilota, Tiger Joe, si trova a dover sopravvivere nella infida giungla finché viene fatto prigioniero da una pattuglia di ribelli di cui fa parte Kia, la giovane figlia di un medico missionario e lei stessa infermiera; dopo la scomparsa del padre, Kia vive con i nativi che conosce da anni e fra questi è il giovane Datu che la protegga affettuosamente. Kia comprende che può fidarsi di Tiger il quale aiuta lei e gli altri contro i ripetuti assalti dei regolari. Intanto tre amici di Joe decidono di andarlo a cercare ma anche il loro aereo viene abbattuto ed essi si trovano con Tiger e Kia ad affrontare i molti pericoli da loro condivisi con le popolazioni residenti che cercano scampo tentando di raggiungere il confine della Cambogia. Purtroppo nel corso di queste peregrinazioni disgraziate muoiono due degli amici di Tiger e rimane con loro il negro Midnight che si unisce anche nel soccorso alle popolazioni. In un ultimo tentativo e dopo che i due americani sono riusciti a far saltare un ponte mentre da soli salgono a bordo di una motovedetta e la fanno saltare, anche Midnight muore. Verso la conclusione, Tiger Joe ritrova Kia in un campo della Croce Rossa dove era giunta accompagnando donne e bambini. La vita forse ricomincerà per loro in maniera più tranquilla.

CAST

CRITICA

Film italiano d'imitazione americana dovuto allo specialista "eclettico" Antonio Margheriti, il film non delude gli appassionati del genere che trovano pane per i loro denti (Segnocinema).
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy