FREDDY VS. JASON

USA - 2003
FREDDY VS. JASON
Dopo aver ucciso decine di bambini, Freddy Kruger è stato bruciato dai genitori delle sue vittime all'interno di una fabbrica abbandonata. Orribilmente sfigurato, da quel giorno Freddy vive grazie alla forza originata dagli incubi e dalla paura, uccidendo, dopo orrende sofferenze, i discendenti dei suoi giustizieri. L'adolescente Jason, invece, morì mentre era al campeggio, annegando in un lago fra l'indifferenza di chi avrebbe dovuto controllarlo. Prima fu la madre a vendicarsi, poi lo stesso Jason tornò dal fondo oscuro di quello specchio d'acqua. Oggi le strade di Freddy e Jason si incrociano, e il mondo non sarà più come prima perché i due iniziano a mietere cadaveri in un gruppo di studenti.
  • Durata: 97'
  • Colore: C
  • Genere: HORROR
  • Tratto da: PERSONAGGI CREATI DA WES CRAVEN E VICTOR MILLER
  • Produzione: NEW LINE CINEMA, CECCHI GORI GROUP TIGER CINEMATOGRAFICA, AVERY PIX, SEAN S. CUNNINGHAM FILMS, WTC PRODUCTIONS
  • Distribuzione: MEDIAFILM
  • Data uscita 10 Ottobre 2003

NOTE

- LA REVISIONE MINISTERIALE DELL'APRILE 2004 HA TOLTO IL DIVIETO A 14 ANNI.

CRITICA

"Piacerà ai fanatici delle vecchie serie e magari anche a qualcun altro. Qualcun altro deve esserci se il film negli Usa ha già incassato duecento miliardi": (Giorgio Carbone, 'Libero', 10 ottobre 2003)

"Il vero cinema horror ha la memoria d'elefante: fa del presente un incubo, ma non l'incubo dell'eterno presente (quello senza cause e senza memoria cui siamo condannati), bensì quello di un presente che soffre per le colpe del passato. L'horror può essere coscienza storica, quando è dei migliori, reazionario e involuto, quando è dei peggiori". (Dario Zonta, 'L'Unità', 10 ottobre 2003)

"Scene raccapriccianti e battute puerili, conflitto per il primato nell'incutere spavento: lo scontro ricorda certi vecchi film quali 'Dracula contro Frankenstein' (1971) o 'Frankenstein contro l'Uomo Lupo' (1943). Il regista è di Hong Kong, il successo commerciale negli Stati Uniti è stato grande". (Lietta Tornabuoni, 'La Stampa', 10 ottobre 2003)

"Sembrava un'idea peregrina quella di associare i due orripilanti massacratori in un solo film, mettendoli l'uno contro l'altro per speciosi motivi e rimodernandoli nello stile dei duelli volanti dei registi di Hong Kong. Stavolta, infatti, la realizzazione è affidata a un cinese, Ronny Yu, il quale si accontenta di inscenare la solita strage di ragazzine discinte e ragazzotti imbecilli. Però questo film da quattro soldi ha incassato in Usa quasi novanta milioni di dollari e sta suscitando gli entusiasmi dei ruspanti di Internet. Resta da vedere se la formula del doppio horror funzionerà anche da noi". (Tullio Kezich, 'Corriere della Sera', 11 ottobre 2003)

"Annunciato da un decennio, 'Freddy vs. Jason' non è soltanto una collezione di icone pop a scopo d'incasso presso i nostalgici (e no); è anche un film programmaticamente regressivo. Da una parte evoca i tempi remoti del genere orrorifico, allorché comparivano sugli schermi titoli come 'Frankenstein contro l'Uomo lupo'. Dall'altra tira fuori dalla naftalina la formula dei due serial anni 80, inclusa la sessuofobia, l'associazione fra emoglobina e nudo, le spiritosaggini di Freddy, che fa venire in mente un aforisma di Woody Allen: 'I buoni dormono meglio ma i cattivi, da svegli, si divertono molto di più". (Roberto Nepoti, 'la Repubblica', 18 ottobre 2003)

"La gente ha dimenticato Freddy Krueger (il mostro di 'Nightmare') e lui è triste. Decide allora di risvegliare Jason Voorhees (quello di 'Venerdì 13'), fargli spargere un bel po' di sangue, riprendere le forze e poi fare da solo. Ma Jason esagera, ruba la scena a Freddy e giù botte tra i due. 'Freddy Vs. Jason' di Ronny Yu è quello che volevamo: un Eva contro Eva in versione trucida. Regia di Yu da favola, effetti splatter sgargianti. Chi vince? Non lo possiamo scrivere. Ma finisce ai punti". (Francesco Alò, 'Il Messaggero', 10 ottobre 2003)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy