Ether

POLONIA, UCRAINA, UNGHERIA, LITUANIA, ITALIA - 2018
2/5
Ether
All'inizio del XX secolo, nella periferia dell'Impero Russo, un medico somministra un'iniezione letale di etere a una giovane donna, l'oggetto del suo desiderio. Rimasto impunito, trova lavoro come medico militare dell'esercito imperiale austro-ungarico, dove continua i suoi esperimenti con l'etere per riuscire a gestire il dolore e manipolare il comportamento umano. Nonostante la sua malvagità, avrà ancora tempo per salvare la sua anima dalla dannazione eterna.
  • Altri titoli:
    Eter
  • Durata: 118'
  • Colore: C
  • Genere: DRAMMATICO, STORICO, THRILLER
  • Produzione: jANUSZ WACHALA, KRZYSZTOF ZANUSSI, PAOLO MARIA SPINA, GIUSEPPE LEPORE, OLENA FETISOVA, ULJANA KIM, VOLODYMYR KOZYR, WLODZIMIERZ NIDERHAUS, GÁBOR RAJNA, GÁBOR SIPOS, JUDIT STALTER PER STUDIO FILMOWE TOR, INTERFILM PRODUCTION STUDIO, STUDIO ULJANA KIM, LAOKOON FILM GROUP, REVOLVER, BIELLE RE

RECENSIONE

di Emanuele Rauco

È chiaro che a Krysztof Zanussi, oltre la religione propriamente detta, interessino lo spirito e i suoi limiti, cosa c’è oltre i nostri corpi e i nostri pensieri. La cosa più interessante di Eter, il suo nuovo film, è che queste riflessioni passino attraverso la materia, la fisica di quei corpi e la scienza.

 

Adattando il mito di Faust riletto da Goethe e ambientandolo nella Polonia della Prima Guerra Mondiale, il film racconta di uno scienziato che, condannato a morte, riesce a salvarsi facendo valere le proprie conoscenze mediche. Conoscenze delle quali finirà per abusare, diventando una sorta di mostro assetato di potere. Dramma bellico dal sottile ascendente fantastico, ma soprattutto riflessione filosofica sul senso umano della scienza e dei suoi eccessi, Eter (scritto dallo stesso Zanussi) è un’opera fredda, chirurgica come il suo protagonista e sgradevole come la sua ricerca concettuale.

 

Perché Zanussi anziché sondare la fede e il suo peso nell’animo umano come ha fatto di solito, ribalta l’approccio e se il fine è sempre quello di capire cosa c’è oltre la finitezza umana, il terreno della ricerca è diverso: la scienza, la sensazione di scoperta totale e quindi di potere assoluto che dà, i limiti della morale abbattuti dall’apparenza illimitata della scienza. Un terreno che permette a Zanussi una cupezza e una violenza rare nel suo cinema e che pure non diventano mai elementi di forza cinematografica: come se avesse un certo disagio nei confronti della materia, e ancor più nei confronti del suo protagonista, il regista sembra volerne restare fuori, ha a cuore il senso del film ma non il suo racconti, non i mezzi stilistici e narrativi per giungere a quel cuore.

 

E così Eter sembra ripiegare sul manicheismo, sui modi più semplici per arrivare al cuore del problema, facendo di un medico un mostro seriale e della sua passione per la scienza qualcosa di sulfureo. Certamente, non era nelle intenzioni di Zanussi, ma in tempi in cui l’odio anti-scientifico e anti-intellettuale porta a rinnegare la rotondità della Terra o l’efficacia dei vaccini, non dosare, sfumare e approfondire le posizioni che la propria opera prende sembra un pericolo ben maggiore di un film poco riuscito.

NOTE

- REALIZZATO CON IL SOSTEGNO POLISH FILM INSTITUTE, MINISTER OF CULTURE AND NATIONAL HERITAGE, PODKARPACKIE FILM COMMISSION, UKRAINIAN STATE FILM AGENCY, HUNGARIAN NATIONAL FILM FUND, LITHUANIAN FILM CENTRE.

- SELEZIONE UFFICIALE ALLA XIII EDIZIONE DELLA FESTA DEL CINEMA DI ROMA (2018).
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy