Estate '85

Été 85

FRANCIA - 2020
2,5/5
Estate '85
Nel corso dell'estate del 1985, il 16enne Alexis conosce il 18enne David che lo salva dal rischio di naufragio al largo di una cittadina balneare sulle coste della Normandia. Ad Alexis sembra di aver finalmente incontrato l'amico dei suoi sogni, ma questo sogno durerà più a lungo di una sola estate?
  • Altri titoli:
    Summer of '85
  • Durata: 100'
  • Colore: C
  • Genere: DRAMMATICO
  • Specifiche tecniche: (1:1.85)
  • Tratto da: romanzo "Danza sulla mia tomba" di Aidan Chambers (ed. BUR Biblioteca Univ. Rizzoli)
  • Produzione: ERIC E NICOLAS ALTMAYER PER MANDARIN PRODUCTIONS
  • Distribuzione: ACADEMY TWO (2021)

RECENSIONE

di Federico Pontiggia
1985, l’anno della morte di Rock Hudson e dell’Aids. A quei giorni, che sono poi In Between Days dei Cure con cui apre il film, torna il francese François Ozon, adattando liberamente un libro che lesse proprio quell’estate, a diciassette anni, Balla sulla mia tomba di Aidan Chambers: Été 85, già selezionato per Cannes, è in cartellone alla XV Festa di Roma.

“L’unica cosa importante è che in qualche modo sfuggiamo tutti alla nostra storia”, l’ultima frase del libro assiste anche il film, un boy meets boy in cui Ozon, che da sempre voleva trasformare il romanzo, riversa molti dei topoi della sua poetica, con la consueta empatia, l’attenzione ai desii e ai palpiti, l’amore per il cinema, da cui anche l’uso del Super 16 già per Frantz.

Il protagonista Alex (Félix Lefevbre), sedici anni, scopre la vita complice il diciottenne David, che lo salva da un naufragio: il primo biondino, slavato e rotondo, il secondo muscoloso, imperioso, aguzzo e seducente, scatta la scintilla, che per l’uno è idealizzazione e l’altro avventura, e sarà quel che sarà.

Ozon sposta l’ambientazione britannica dirimpetto, in Normandia, nella proletaria balneare Le Tréport, muovendo tra Lo sconosciuto del lago, il meraviglioso film del 2013 di Alain Guiraudie, e Il tempo delle mele, esplicitamente citato in una scena capitale per illuminare la dissonanza tra i due ragazzi.

L’architettura thriller, che non riveliamo, è ben congegnata, però molto altro più che adolescenziale è puerile: i moti d’animo, dunque i problemi, di Alex sono come lui e l’attore che lo incarna, non incidono, non interessano, difettano d'anima e d'animo, e quando Benjamin Voisin, che già si era mangiato tutti compresa la sua, di David, mamma Valeria Bruni Tedeschi, esce di scena si porta appresso anche la nostra attenzione, se non il film.

NOTE

- SELEZIONE UFFICIALE AL 73. FESTIVAL DI CANNES (2020).

- PREMIO DEL PUBBLICO BNL ALLA XV EDIZIONE DELLA FESTA DEL CINEMA DI ROMA (2020).
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy