ERGASTOLO

ITALIA - 1952
Rosa Lulli, ha un figlio illegittimo, di nome Stefano, che vive con lei in casa del prof. Arlotta, Stefano ha vent'anni ed è innamorato di Lydia, la nipote del professore. Il giovane ha il vizio del gioco: la necessità, in cui si trova, di procurarsi una grossa somma per far fronte a debiti di gioco, lo spinge ad accettare l'amoroso invito di Jeannette, proprietaria dell'equivoca scuola di danze, dove Stefano va a suonare. Ma Jeannette è l'amante di Pasquale Anitrano, capo d'una banda criminale, che viene ucciso in casa di Jeannette, dal maestro di ballo, uno degli affiliati della banda. Jeannette non denuncia l'assassino; ma s'accorda con lui per far apparire colpevole Stefano, che giungerà ben presto per il convegno amoroso. Stefano infatti viene arrestato e processato. Lo difende un grande avvocato: colui, che vent'anni prima ha sedotto e abbandonato sua madre. Malgrado l'efficace difesa, Stefano vien condannato all'ergastolo: l'avvocato muore, dopo aver riconosciuto e legittimato il figlio. Lydia, frequentando la scuola di danza, sorprende un colloquio rivelatore tra l'assassino e Jeannette. Essa avverte la polizia; ma viene rapita dai malviventi. Durante l'inseguimento, Jeannette viene colpita mortalmente: prima di morire, confessa. L'assassino viene arrestato: Stefano, liberato, sposerà Lydia.
  • Durata: 90'
  • Genere: DRAMMATICO
  • Produzione: FORTUNATO MISIANO PER ROMANA FILM
  • Distribuzione: ROMANA FILM - SIDEN

CRITICA

"La trama è quella che, rivoltata e stiracchiata abbiamo già trovato in parecchi film del genere. L'errore giudiziario alle spese di un innocente (...). Colpo di scena prima della fatidica parole fine". (F. Bernini, "Hollywood", n. 364, 1952).
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy