Elizabeth

Elizabeth: A Portrait in Part(s)

GRAN BRETAGNA - 2021
3/5
Elizabeth
Il film racconta con filmati d'archivio il dietro le quinte della vita della grande regina. Gli incontri con Nixon per il tè, mentre un principe Carlo di 8 anni le gira intorno in estasi; il momento successivo all'Incoronazione in cui, giovane ed euforica, scendendo dalla carrozza fa quasi cadere la corona o ancora un filmato dove, adolescente, balla libera e felice prima di assumersi la responsabilità che la consegnerà alla storia.
  • Durata: 100'
  • Colore: C
  • Genere: BIOGRAFICO, DOCUMENTARIO
  • Produzione: FREE RANGE FILMS, INGENIOUS MEDIA, RIBA FILMS
  • Distribuzione: LUCKY RED (2022)
  • Data uscita 16 Maggio 2022

RECENSIONE

di Lorenzo Ciofani

Che sia l’iconoclastia il modo migliore per onorare Elisabetta II? Simulacro istituzionale e icona popolare, la regina che da settant’anni governa e protegge il popolo inglese è oggetto anzi soggetto di Elizabeth, il documentario che segna l’ultimo credito cinematografico di Roger Michell, morto nel settembre 2021.

Ma quella del regista di Notting Hill è un approccio iconoclasta nella forma più che nell’atteggiamento, invero affettuoso se non devoto, certo ammirato e comunque rispettoso anzitutto di una storia che ha pochi eguali nella storia della modernità.

Perché Elisabetta, ricordiamolo, in quanto figlia del secondogenito del sovrano, non nasce con il destino della corona: al trono ci arriva per la prematura morte del padre Giorgio, incoronato dopo la traumatica abdicazione del fratello Edoardo.

E però – e qui sta il mistero e il fascino della figura prima che del personaggio – si sente investita da Dio, dunque chiamata a un compito a cui non può sottrarsi nonostante le infinite difficoltà occorse durante il suo lunghissimo regno.

C’è da dire che, almeno a partire dallo straordinario The Queen capace di metterne in luce il portato umano all’altezza di una tragedia (la morte di Diana) che picconò come mai lo status quo monarchico, l’audiovisivo ha contribuito a ricostruire e ripensare l’immagine della regina, arrivando allo zenit della serie The Crown, un capolavoro che sta riscoprendo quell’umanità spesso annichilita dal ruolo, rendendo Elisabetta una vera, complessa, palpitante eroina da romanzo.

Michell, che ha ben chiaro quest’orizzonte, in sinergia con la montatrice Joanna Crickmay, costruisce un ritratto composito e sciolto (in originale si chiama, per l’appunto, A Portrait in Part(s)), rinunciando alla gabbia dell’andamento cronologico, alla pedanteria della voce narrante, al pericolo agiografico.

Paradossalmente il distacco da un soggetto che per statuto ha a che fare con il divino permette al documentario un buon grado di libertà creativa. Se l’irriverenza delle giustapposizioni confina con l’ironia riservata alle parenti (la passione per l’ippica, i look eccentrici, le battute al vetriolo), la cruciale dimensione materna con cui è tuttora percepita – amplificata poiché (bis)nonna, anziana, vedova, piena di noie dati dai parenti capricciosi, ultranovantenne acciaccata ma sempre pronta a servire il popolo – convive con cose dimenticate come l’antica sessualizzazione della giovane (Paul McCartney che confessa di averla desiderata da giovane) e il suo esser stato modello di riferimento per dive in ascesa (Audrey Hepburn, all’epoca una specie di alter ego).

Ne viene fuori un profilo felicemente disordinato, non di rado divertente (ma il fantasma della morte è ben presente, dai tentativi di ucciderla ai cari defunti) e non banalmente celebrativo (ci stiamo avvicinando al Giubileo di Platino, d’altronde) che analizza lo status di una icona, capace di esaltare chicche d’archivio e di dialogare l’immaginario popolare, pregno d’umorismo ma anche rispettoso di una vita che ha attraversato gioie e dolori di una nazione e di un secolo.

NOTE

- IN ASSOCIAZIONE CON 3 MARYS.

- EVENTO SPECIALE AL CINEMA 16, 17, 18 MAGGIO 2022.
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy