DUE CUORI SOTTO SEQUESTRO

ITALIA - 1941
L'ultimo rampollo di una nobile famiglia piuttosto che rinunciare alla composizione e presentazione di canzonette, cui si dedica nei pubblici locali, abbandona la casa paterna e si rifugia nello studio ospitale di un pittore lontano, dove casualmente incontra una studentessa. I due si innamorano e decidono di convivere. Intanto il padre del giovane, che non vuol perdere un affare in corso, propone al ragazzo un matrimonio di convenienza con la figlia del proprio socio, promettendogli in cambio una larga sovvenzione di denaro. I due innamorati, che sono ridotti agli estremi delle loro risorse finanziarie, combinano di accettare il fidanzamento, del giovanotto con la ragazza proposta dal padre per poi non addivenire al matrimonio con improvvisa rottura. Ma la studentessa, rimasta sola, comprende l'ingenuità di questo piano e, per procurarsi il denaro necessario a riprendere la vita in comune con il giovane musicista, si reca al convegno fissatole da un ricco signore. Costui, che è poi il padre del musicista, conosce così la fanciulla e ne misura l'affetto per suo figlio: egli rinuncia allora ai propri disegni e consente che i due si sposino.

CAST

CRITICA

"Carlo Ludovico Bragaglia che è certamente tra i registi piu leggeri, abili e piacevoli che abbiamo, ha anche questa volta cucinato un film grazioso, un gustoso pasticcio d'amore e di sorprese. (...) Il dialogo è brioso, gli equivoci si susseguono brillantemente, i tipi come quello disegnato da Pina Renzi nelle vesti di una signora sciocca e sorda, destano spesso allegre risate. (...) Falconi ha una parte di vecchio rubacuori che sembra fatta su misura (...) Insomma si tratta di un film gaio che fila amabilmente". (Vice, "Il Messaggero", 6/9/1941)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy