Dreamer - La strada per la vittoria

Dreamer: Inspired by a True Story

USA - 2005
Dreamer - La strada per la vittoria
Ben Crane è stato un celebre fantino ma da tempo ormai si occupa solo dell'addestramento dei cavalli da corsa. Tra i futuri campioni allenati da lui, spicca la cavalla Soñador - chiamata affettuosamente Sonya - ma un brutto incidente pone fine ai sogni di gloria del suo proprietario, il sig. Palmer, che decide di disfarsene. Ben adotta la cavalla e la porta alla sua fattoria dove, insieme alla figlia Cale e al padre Pop, cercherà di guarirla e farla partecipare alla Breeders' Cup Classic...
  • Altri titoli:
    Untitled Kurt Russell/Dakota Fanning Project
  • Durata: 100'
  • Colore: C
  • Genere: BIOGRAFICO, DRAMMATICO, SPORTIVO, FAMILY
  • Produzione: S.K.G. PRODUCTIONS LLC, DREAMWORKS PRODUCTIONS LLC, EPSILON MOTION PICTURES, HYDE PARK ENTERTAINMENT, TOLLIN/ROBBINS PRODUCTIONS
  • Distribuzione: EAGLE PICTURES (2006)
  • Data uscita 22 Settembre 2006

NOTE

- ADDESTRATORE CAVALLI: RUSTY HENDRICKSON.

CRITICA

"C'è da chiedersi quando il cinema Usa cesserà di ammorbarci con i suoi "sogni", nutriti a volontà di potenza fino alla paranoia. In Dreamer, versione equina dell'american dream che sembra il remake del recente "Seabiscuit" (anche qui, oltre al quadrupede infortunato, ci sono un fantino malandato, una corsa e una coppa da vincere: nel caso la Breeder's Cup Classic), tutti sognano e convincono gli altri a sognare il loro stesso sogno. Il film di John Gatins (al debutto nella regia, ma sceneggiatore navigato di parabole sportive) si proclama ispirato a una storia vera; però la parafrasi edificante imposta ai fatti lo rende assai più sognante che credibile. Dreamer è il classico "veicolo" al servizio di una star: e Dakota lo abita da cima a fondo profondendovi il suo gigionismo manierato. Tutto il cast fa da docile supporto al divismo della dodicenne biondina. Inevitabilmente di routine le emozioni della corsa, visto che l'esito è scontato fin dall'inizio." (Roberto Nepoti, "la Repubblica", 22 settembre 2006)

"Siamo sempre lì, il sogno americano anche a quattro zampe, i buoni sentimenti resi insopportabili come talvolta solo gli americani san fare. Dicono che la storia del purosangue che cade, si rompe la zampa, poi risorge e vince grazie alle cure smorfiose della molesta 12enne Dakota Fanning che gli offre torte e ghiaccioli, sia vera. Può essere. Ma è il film che è vecchio e finto. Mai un brivido dopo i 10 anni: manovra la corsa il deb sportivo Gatins, tutto pronto per famigliole assise davanti alla tv." (Maurizio Porro, 'Corriere della Sera', 29 settembre 2006)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy