DRACULA MORTO E CONTENTO

DRACULA DEAD AND LOVING IT

USA - 1995
DRACULA MORTO E CONTENTO
In Transilvania nel 1893, il legale Thomas Renfield, incurante degli ammonimenti della popolazione locale, si avventura nel castello del Conte Dracula, cui deve vendere l'abbazia di Carfax a Londra. Dopo averlo sottratto alle brame delle sue mogli, il vampiro ne fa il suo succubo e viaggia con lui, dissanguando l'intero equipaggio, sulla nave per Londra. Qui il Conte, bramoso di vittime, fa conoscenza con la famiglia Seaward ed inizia a sedurre Lucy Westenra, amica di Mina che è la fidanzata di Jonathan Harker ed è figlia del dottor Seaward vicino di casa del Conte, nonché direttore del manicomio ove Renfield, completamente folle, è rinchiuso. Le visite del Conte stremano Lucy che deperisce a vista d'occhio e nonostante gli sforzi di Van Helsing, il luminare amico di Seaward esperto dell'occulto convocato d'urgenza, la giovane muore. Harker decide di vegliare la defunta, che risorge e lo attacca, ma lo scienziato interviene in extremis e la respinge nella bara, dove Harker, pur riluttante, le trapassa il cuore con un paletto, liberando notevoli quantità di sangue. " poi la volta di Mina che il vampiro rapisce per farne la sua sposa ma, seguendo Renfield, il professor Van Helsing, Harker e Seaward penetrano nella cripta dell'abbazia e ingaggiano una lotta mortale col mostro il quale alla fine viene debellato proprio grazie all'inetto Renfield.
  • Durata: 91'
  • Colore: C
  • Genere: FANTASY
  • Specifiche tecniche: NORMALE A COLORI
  • Tratto da: BASATO SUI PERSONAGGI CREATI DA BRAM STOKER
  • Produzione: NEL BROOKS
  • Distribuzione: MEDUSA FILM (1996) - FILMAURO HOME VIDEO

NOTE

- REVISIONE MINISTERO FEBBRAIO 1996

CRITICA

Latinano lo stato di grazia e le invenzioni poetiche di Frankenstein junior, soltanto in parte compensate dall'efficacia degli effetti speciali, dall'eleganza della cornice, dalla cura dei particolari. Non mancano, comunque, le trovate ingegnose: le goffaggini dell'imbranato conte con cui Nielsen sfrutta le "gag" di Una pallottola spuntata; l'iperbole ematica che sommerge il povero Harker (Steven Weber) nel conficcare il canonico punteruolo ligneo nel cuore di Mina; la metamorfosi birichina di Lucy e lo "sketch" dell'assalto voluttuoso allo stesso Harker. C'è persino una battuta, probabilmente inventata dal traduttore italiano, che strappa la risata quando Van Helsing (lo stesso Mel Brooks) nomina Nosferatu a proposito di Mina vampirizzata: "Era sarda?". (Il Giorno, Morando Morandini, 3/2/96)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy