Donna di vita "Lola"

Lola

FRANCIA - 1960
Ronald è un ragazzo apatico e annoiato, che cambia spesso luoghi e si trascina da un lavoro all'altro. Dopo aver accettato l'incarico di un losco trafficante di diamanti, Roland si accinge a partire per l'Africa del Sud. A Nantes, però, incontra Cecilia, una sua amica d'infanzia di cui è stato segretamente innamorato. Trovato finalmente il coraggio per dichiararsi, Roland viene a sapere che le circostanze della vita hanno trasformato Cecilia in Lola, una ballerina di "cabaret". Inoltre, la ragazza ha un figlio di sette anni nato dalla sua relazione con Michel, un uomo che però ora non è presente nella sua vita, ma che lei ama ancora. L'improvviso ritorno di Michel, che nel frattempo ha fatto fortuna ed è diventato ricco, farà svanire il sogno d'amore di Roland che rimane ancora una volta solo con la sua noia e la sua tristezza.

CAST

CRITICA

"Il film, nella pesante fantasia che lo caratterizza, sovraccarica di suggestioni letterarie e barocche, richiama con evidenza alla memoria lo stile particolare di Max Ophuls di cui il regista fu fervente discepolo. Ed è appunto questa troppo invadente influenza che aggrava i difetti di una regia certo abile, ma ancor incerta, alla quale spesso fugge il senso esatto del tono e del ritmo, e che non sempre sa indicare agli interpreti la migliore rappresentazione dei personaggi". (Segnalazioni Cinematografiche, volume 49, 1961)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy