Da quando Otar è partito...

Depuis qu'Otar est parti...

FRANCIA, BELGIO - 2003
Da quando Otar è partito...
A Tbilissi, capitale della Georgia post-sovietica, in un vecchio appartamento convivono Ada, una ragazza di 25 anni, la madre Marina e la nonna Eka. Ad allietare le loro umili esistenze sono le notizie di Otar, figlio adorato di Eka, che vive a Parigi, da dove invia un po' di soldi. Come tutte le persone assenti, Otar è diventato un mito in famiglia. Quando muore in un incidente, Marina non se la sente di dirlo alla vecchia madre e con la complicità di Ada, le tiene nascosta la notizia. Ma la bugia finirà per capovolgere le loro vite.
  • Altri titoli:
    Since Otar Left
  • Durata: 102'
  • Colore: C
  • Genere: DRAMMATICO
  • Produzione: LES FILMS DU POISSON, ENTRE CHIEN ET LOUP, LE STUDIO CANAL+, LES FILMS DU POISSON, STUDIO 99, ARTE FRANCE CINEMA
  • Distribuzione: ESSE&BI CINEMATOGRAFICA DISTRIBUZIONE
  • Data uscita 12 Dicembre 2003

RECENSIONE

di Cristina Scognamillo

Otar è partito, Otar non c’è più. È nell’attesa che si vive, nella speranza che qualcosa possa cambiare gli eventi, la speranza che i nostri sogni possano trovare vita altrove. Otar è andato a Parigi, è in cerca di lavoro e di una vita diversa. A casa, una vecchia e modesta abitazione di Tblissi (Georgia), lo aspettano l’anziana madre, Eka, la sorella Marina con la figlia venticinquenne, Ada. L’anziana donna vive nell’attesa di lettere e telefonate di quel figlio lontano, in cerca di fortuna. I giorni passano, nella routine quotidiana, scanditi dalle letture delle missive di Otar e dall’attesa delle rare telefonate. Una vita tranquilla fatta di sacrifici, ma vissuta con serenità e grande dignità. È un’epoca difficile nella Georgia post-sovietica e le tre donne convivono nel mito del loro caro lontano. Fino a quando una telefonata dell’amico Niko, annuncia la tragica morte di Otar. Marina e Ada decidono di non dire nulla all’ anziana donna e cominciano a scrivere finte lettere firmate Otar. Ma quelle telefonate, non arrivano più. Passano molti mesi. E quando Ada e la madre sono via per una breve vacanza, la vecchia Eka decide di vendere la collezione di libri di Rousseau e comprare tre biglietti d’aereo per Parigi. Al ritorno della figlia e della nipote, quella vecchia libreria – ormai dagli scaffali vuoti – è il chiaro segno. Le tre donne partono. Arrivate a Parigi, mentre Eka ancora dorme, Marina e Ada vanno a dare l’ultimo saluto a Otar, al cimitero comunale. Eka, rimasta sola in albergo, non si arrende e si mette sulle tracce di Otar. E così, quella verità che per tanto tempo le viene tenuta dolorosamente nascosta, quelle bugie raccontate a fin di bene, vengono scoperte. Ma Eka non dirà nulla alla figlia e alla nipote. Esattamente come loro dirà la sua bugia, perché, quella non verità le darà la forza di andare avanti. Opera prima di Julie Bertuccelli, assistente di Kieslowski, Da quando Otar è partito… è un film sull’assenza e dell’assenza. Delicato e affascinante ritratto di un ambiente domestico, il film pian piano si trasforma nel nitido specchio della realtà di un Paese che vive faticosamente la “ricostruzione”. Le donne, tre generazioni a confronto, rappresentano il modo diverso di affrontare il dopo stalinismo, ma, alla fine, chi veramente riuscirà a vedere oltre e a trovare un giusto equilibrio, saranno le due generazioni estreme, quella della nonna e della nipote. La scelta di Ada, di rimanere a Parigi, viene salutata dalla nonna con grande coraggio e assenso, che non trova nella madre. Il rapporto tra Eka e Ada è un raro esempio di naturale dolcezza, che la Bertuccelli ha evidenziato esaltando le emozioni da mille piccoli dettagli.

NOTE

- A CANNES 2003 HA VINTO IL GRAN PREMIO DELLA SETTIMANA DELLA CRITICA E IL PRIX LE RAIL D'OR.

- PRESENTE AL "SOTTODICIOTTO FILMFESTIVAL" DI TORINO (29 NOV- 6 DIC. 2003)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy