Cuori estranei

Between Strangers

CANADA, ITALIA - 2002
Cuori estranei
Le storie di tre donne che, pur non conoscendosi fra loro, sono alle prese con sogni desideri e scelte le cui conseguenze condizionano pesantemente l'andamento delle loro vite. In comune hanno tutte e tre un rapporto irrisolto con il proprio padre. Da anni appassionata di disegno, negli ultimi tempi la matura Olivia ha visto le sue realizzazioni nascere da una ossessione figlia di un sogno ricorrente. Una ossessione che, poco alla volta, sta allontanando la donna dal marito, costretto a vivere su una sedia a rotelle, per indirizzarla verso la figlia, partorita in giovane età ed abbandonata su suggerimento del padre. Natalia è una fotografa che ha appena avuto un grande successo: la copertina di una importante rivista, ma il bisogno di scoprire cosa è accaduto ad una donna angolana non le permette di godere appieno della fama. Catherine, violoncellista affermata ma consumata da un lancinante dolore interiore, abbandona la sua famiglia per ritrovare il padre, ritenuto responsabile della morte della madre.
  • Altri titoli:
    Tra stranieri
    Coeurs inconnus
    Zwischen Fremden
  • Durata: 97'
  • Colore: C
  • Genere: DRAMMATICO
  • Specifiche tecniche: 35 MM (1:1,85)
  • Produzione: MEDIA TRADE, CAPRI FILMS, FIRST LOOK MEDIA
  • Distribuzione: MEDUSA
  • Data uscita 13 Settembre 2002

NOTE

- PRESENTATO FUORI CONCORSO ALLA 59MA MOSTRA INTERNAZIONALE D'ARTE CINEMATOGRAFICA DI VENEZIA (2002).

CRITICA

"Una donna invecchiata che ha rinunciato alla sua vocazione d'artista. Una violoncellista divorziata che trascura la figlia e medita di uccidere il padre uxoricida. Una fotografa di successo che va a caccia di immagini terribili in giro per il mondo solo per compiacere il padre. Sono i 'Cuori estranei' di Edoardo Ponti. Debutto ambizioso, cast di lusso, ma troppa musica e troppe parole non giovano". (Fabio Ferzetti, 'Il Messaggero', 13 settembre 2002)

"Quando passerà in tv, incastrato fra un talk-show e qualche velina, non farà una brutta figura: come tv-movie, 'Cuori estranei' è un prodotto medio con un cast stellare, dovuto agli agganci del regista che, nel caso non lo sapeste, è figlio di Carlo Ponti e Sophia Loren". (Alberto Crespi, 'Film tv', 17 settembre 2002)

"Mamma, solo per te la cinepresa vola! Edoardo Ponti Loren si prende il musicista di Kieslowski, l'idea del fato intrecciato propria di Kieslowski, qualche sguardo esterno tipico di Kieslowski. Poi la protagonista ad effetto se la trova in famiglia come gli altri grossi nomi del cast tra gli amici di casa. Risultato: storie di donne accarezzate con smania cinefila, ma lasciate a se stesse sperando che dal primo piano patetico nasca il miracolo della poesia asciutta". (Alessio Guzzano, 'City', 18 settembre 2002)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy