Cronaca di una morte annunciata

ITALIA, FRANCIA, COLOMBIA - 1987
Cronaca di una morte annunciata
Il maturo dottor Cristof Bedoya scende dal battello che l'ha ricondotto lungo il fiume a uno sperduto villaggio della Colombia, dove ha fatto la sua prima pratica medica, chiamato a dirigerne l'ospedale. L'assalgono i ricordi della giovinezza, quando il ventunenne amico Santiago Nasar, rampollo di una famiglia benestante del paese, venne ucciso a coltellate dai fratelli Vicario, per vendicare l'onore della loro sorella Angela, che, ripudiata subito dopo le nozze dal marito Bayardo San Roman perché non illibata e violentemente pressata dai familiari, si era lasciata sfuggire il nome del giovane colpevole. Sull'onda dei ricordi, Bedoya riesce a ricostruire pezzo per pezzo la cronaca dell'uccisione dell'amico, dall'arrivo dello spavaldo Bayardo, al suo vano corteggiamento di Angela, che lo rifiuta, ai modi strafottenti e alla sfacciata profusione di denaro con cui riesce a convincere la famiglia a concedergliela in sposa, fino alle nozze fiabesche, cui farà seguito il ripudio e la tragica uccisione dell'amico, davanti al passivo fatalismo di quasi tutto il paese, riversato sulla piazza in occasione del passaggio del vescovo. Nessuna prova concreta delle presunte responsabilità di "seduttore" di Santiago affiora dalle ostinate ricerche dell'amico. Frattanto Angela, incredibilmente fedele al marito, continua a scrivergli lettere su lettere per anni, fino al ritorno di lui al paese e alla patetica riconciliazione finale.
  • Altri titoli:
    Chronique d'une mort annoncée
    Crónica de una muerte anunciada
    Chronicle of a Death Foretold
  • Durata: 109'
  • Colore: C
  • Genere: DRAMMATICO
  • Specifiche tecniche: SCOPE, EASTMANCOLOR
  • Tratto da: romanzo omonimo di Gabriel García Márquez
  • Produzione: ITALMEDIA FILM, RAI-RADIOTELEVISIONE ITALIANA (ROMA), YVES GASSER E FRANCIS VON BURREN PER MEDIACTUEL, LES FILMS ARIANE, FRANCE 3 CINEMA, SOPROFILMS (PARIGI)
  • Distribuzione: ISTITUTO LUCE INC (1987)

NOTE

- IL FILM E' STATO GIRATO IN COLOMBIA, TRA IL VILLAGGIO DI MOMPOS E CARTAGENA. LA PIAZZA DOVE SI COMPIE L'OMICIDIO DI SANTIAGO E' STATA COMPLETAMENTE RICOSTRUITA ALLA PERIFERIA DI CARTAGENA (E' COSTATA UN MILIARDO DI LIRE E QUATTRO MESI DI LAVORO PER CENTOVENTI PERSONE).

CRITICA

"Il film vorrebbe essere la denuncia di un delitto rituale - crudele risultato di una micidiale cultura arcaica da tragedia greca - mediante la rievocazione delle regole fatali che pesano sui familiari di un clan, addetti, per tradizione generazionale, alla difesa dell'onore delle loro donne. ;a. vuoi per struttura a intarsio, costruita con una serie di tardivi flashback sul passato, che diluiscono la tensione propria di un'autentica tragedia, (...) vuoi per le concessioni alla spettacolarità, specie nella scena del matrimonio; vuoi per lo strascico melodrammatico del finale; vuoi addirittura per la costituzionale incapacità del regista a creare l'atmosfera propria di un fanatismo fatalistico, tale da sfociare irrimediabilmente nell'assurdo di un dramma mortale, l'occasione tragica del film, presente nel libro di García Márquez - asciutto e serrato - risulta mancata. Il film è ben lontano dalla tragedia (...) non coinvolge e non convince, nonostante alcune sequenze riuscite, la splendida fotografia, la recitazione di Gian Maria Volonté fra accorata e caparbia, la banda musicale appropriata. Melodramma più che tragedia. ('Segnalazioni cinematografiche', vol. 102, 1987)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy