Cristo è passato sull'aia

ITALIA - 1953
Cristo è passato sull'aia
Quando si raccoglie il grano, a quanto dice un'antica leggenda, Cristo appare sull'aia, nella veste di un povero. Chi, in tali circostanze, caccerà i poveri, che gli chiedono l'elemosina, non avrà più pace e la maledizione peserà sul suo capo e perseguiterà i suoi. Durante la trebbiatura, Giovanni s'è appartato sull'aia con Immacolata, la figlia del padrone, quando gli s'avvicina un povero e gli chiede l'elemosina. Seccato, Giovanni lo caccia in malo modo e ne è aspramente rimproverato dalla ragazza: pentito, Giovanni rincorre il povero, ma questi ricusa l'elemosina e corre in paese. Tutti si mettono contro Giovanni, Immacolata non vuol più saperne di lui, il padrone lo scaccia. L'unico, che lo compatisce e lo aiuta è il parroco. Questi gli dà da dissodare un arido pezzo di terra, che Giovanni col suo lavoro trasforma in un campo ubertoso: l'ha aiutato in questa dura fatica la figlia di un pastore, che egli alla fine sposa, avendone un figlio. Questo indispettisce Immacolata, che, per ripicca, amoreggia con un sergente; ma questi, che in realtà ha già la moglie, la pianta mentre essa aspetta un bambino. Furente per lo scorno, immacolata, associandosi ad un losco tipo, solleva contro Giovanni i contadini, che attribuendo al suo sinistro influsso la siccità, che inaridisce i loro campi, l'uccidono a fucilate. Troppo tardi esse si pentono del male fatto.
  • Durata: 90'
  • Genere: DRAMMATICO
  • Produzione: SEGESTA FILM
  • Distribuzione: SEGESTA FILM - REGIONALE

CRITICA

"Il film si propone di combattere l'ignoranza e la superstizione, dimostrandone le fatali conseguenze; ma la dimostrazione è poco chiara e risulta insufficiente (...)". (Anonimo, "Segnalazioni Cinematografiche", Vol. XXXIII, 1953)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy