Correndo con le forbici in mano

Running with Scissors

USA - 2006
Correndo con le forbici in mano
1971. Il piccolo Augusten Burroughs a soli 6 anni ha già sviluppato un acutissimo spirito di osservazione ed è quindi perfettamente consapevole del fatto che sua madre Deirdre è una poetessa frustrata e suo padre un insegnante di matematica alcolizzato.
1978. Il matrimonio dei coniugi Burroughs va in frantumi e Deirdre si rinchiude in un motel, il piccolo Augusten viene preso in custodia dallo psicologo della madre, il dott. Finch, un medico dai metodi poco ortodossi e dalle abitudini bizzarre. Augusten entra così nello stravagante mondo della famiglia Finch che comprende anche la nevrotica signora Finch, le due figlie - la stralunata Hope e la ribelle Natalie - e Neil Bookman, un trentacinquenne disturbato, che i Finch hanno "adottato" e che vive in un capanno sul retro della casa.
  • Durata: 122'
  • Colore: C
  • Genere: COMMEDIA
  • Specifiche tecniche: 35 MM (1:2.35), PANAVISION - DE LUXE
  • Tratto da: romanzo omonimo di Augusten Burroughs (ALET Edizioni 2004)
  • Produzione: RYAN MURPHY, DEDE GARDNER, BRAD PITT E BRAD GREY PER PLAN B ENTERTAINMENT
  • Distribuzione: SONY PICTURES RELEASING ITALIA (2007)
  • Vietato 14
  • Data uscita 2 Marzo 2007

TRAILER

RECENSIONE

di Anna Musampa
Cineromanzo di deformazione. Alzando il tiro potremmo chiosare così Correndo con le forbici in mano, adattamento cinematografico dell'instant cult (Alet Edizioni) di Augusten Burroughs, ritratto in interni (psichici e psicologici) dell'infanzia dell'autore. Nel passaggio dalla pagina allo schermo molto è andato perduto: non vi è traccia nella regia di Ryan Murphy (creatore del serial tv Nip & Tuck, e qui anche sceneggiatore e produttore) dello stile idiosincratico di Burroughs, borderline e debordante, apatico e rutilante, come pochi sono i residui della struttura narrativa originale, che accostava frammenti ed eventi in un puzzle rapsodico. Che rimane dunque dei dolori del giovane Augusten, ben interpretato da Joseph Cross? In primis, a reggere sono gli attori: Alec Baldwin è il padre alcolizzato, la straordinaria Annette Bening - che bel ritorno! - è la madre bipolare, poetessa inedita afflitta da deliri di onnipotenza, e ancora Gwyneth Paltrow, Joseph Fiennes, Evan Rachel Wood e Brian Cox, lo psichiatra che dopo il divorzio dei genitori accoglie Augusten nella propria casa porto di mare (tutta rosa…). Una casa da mille meraviglie e un orrore, dove la carcassa del tacchino del Ringraziamento rimane sul televisore per sei mesi, e l'albero di Natale non si muove dal salotto tutto l'anno: l'esistenza di Augusten diviene sopravvivenza, ma quanta speranza e joie de vivre, nonostante tutto… Per bipolari e amanti della (baby)comédie humaine.

CRITICA

"Chissà come mai nel trasporre queste singolari vicissitudini sullo schermo il regista Ryan Murphy, pur premendo con decisione il pedale del grottesco, non riesce a divertire; forse ci voleva un piglio alla Woody Allen, 'Correndo con le forbici in mano' resta comunque rispettabile soprattutto per l'interpretazione di una compagnia di attori eccellenti nella quale spiccano Annette Bening, madre psicotica, Joseph Cross buffo e toccante nei panni di Augsten, e Brian Cox scervellato strizzacervelli. Si continua, però, a restare incerti se quei tipi sullo schermo scherzano o fanno sul serio." (Alessandra Levantesi, 'La Stampa', 2 marzo 2007)

"'Correndo con le forbici in mano' è la versione per lo schermo delle memorie autobiografiche di Burroughs, un bestseller pubblicato in Italia da Alet Edizioni. Un romanzo molto apprezzato, un cast di tutto rispetto, Brad Pitt nel ruolo di produttore farebbero pensare a garanzie di qualità: invece il film è tutt'altro che riuscito. Chi lo ha paragonato ai 'Tenenbaum' ha confuso l'originalità con la bizzarria, lo stile visivo con le immagini e i colori chiassosi, lo humour con le battutacce. Bravi, malgrado tutto, Annette Bening e Brian Cox; però in personaggi così irritanti che quasi li apprezzi controvoglia." (Roberto Nepoti, 'la Repubblica', 2 marzo 2007)

"Ma come sono funzionali le famiglie disfunzionali al cinema del presente. Ieri i mattoidi de 'I Tenenbaum' e 'Little Miss Sunshine', oggi la nevrotica divorziata e il figlio adolescente confuso di 'Correndo con le forbici in mano' che l'autore tv Ryan Murphy (Nip/Tuck) ha diretto dal best-seller di Augusten Burroughs, qui anche sceneggiatore. (...) Attori comunque di primo livello come lo psichiatra perverso di Brian Cox. Ma come cantava qualcuno un tempo punk anarchico ora convertitosi al conformismo piccoloborghese: 'Comodo ma come dire poca soddisfazione'." (Francesco Alò, 'Il Messaggero', 2 marzo 2007)

"Mamma mia, che impressione. E che confusione. Ispirato da un libro biografico contro cui il vero Augusten Burroughs si è già ribellato, il film descrive la giovinezza di questo giovane introspettivo (...) Ci sono echi di qualunque vaga trasgressione, amori sghembi, scenate madri e fastidiose elucubrazioni, ossessioni in svendita. L'autore Ryan Murphy, dopo 10 minuti curiosi, perde il controllo della situazione morale e materiale del film che prosegue sbandando e accumulando troppo materiale nevrotico, un ben di Dio di cervelli fusi che risulta infine ben poco interessante, anche perché espresso con un molesto tono radical chic che sconfina in un'analisi di gruppo non richiesta. Al confronto, i 'Tenenbaum' sono la famiglia Passaguai." (Maurizio Porro, 'Corriere della Sera', 2 marzo 2007)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy