CONDANNATELO!

ITALIA - 1953
L'oste Ferdinando, avendo perduto la moglie in un incendio, ha sposato in seconde nozze Carmela, che ha un passato equivoco ed è di vent'anni più giovane di lui. La prima moglie gli ha lasciato una figliola, Caterina, ammutolita quando aveva tre anni, per la paura dell'incendio. Il vecchio Simone, amico di Ferdinando, ha ereditato 36 dollari da un cugino d'America: d'accordo con Ferdinando, Simone fa credere a tutto il paese di aver ereditato un'ingente fortuna. Così quando Gianni, che è stato fuori per lavorare, ritorna dopo tre anni, trova tutti i maggiorenti del paese riuniti nell'osteria per festeggiare la pretesa fortuna di Simone. Gianni era promesso a Franca, la nipote del parroco, Don Benedetto; ma nel frattempo la ragazza s'è fidanzata a Lucio, il figlio discolo e spiantato del barone, il quale mira soltanto ai suoi denari. Lucio è l'amante di Carmela, la moglie di Ferdinando: istigato da lei, tenta di derubare Simone, e, scoperto, uccide il vecchio, incolpando poi Ferdinando dell'uccisione. L'oste, benché si proclami innocente, viene arrestato. Più tardi, avendo Caterina, testimone dell'adulterio di Carmela e dell'uccisione di Simone, ricuperato la parola, è riconosciuta l'innocenza di Ferdinando e la colpa di Lucio, che nel frattempo ha ucciso anche Carmela.
  • Durata: 90'
  • Genere: DRAMMATICO
  • Produzione: FORTUNATO MISIANO PER ROMANA FILM
  • Distribuzione: SIDEN

CRITICA

"Film realizzato con la mira di fare colpo sul pubblico delle sale rionali. "Condannatelo!" non pretende di attirare più di una modesta attenzione. Nessun particolare pregio da notare nella regia; lodevole, data la convenzionalità dei personaggi, l'interpretazione". (U. Tani, Intermezzo", 11/12 del 30/6/1953).
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy