Condannata senza colpa

ITALIA - 1953
Condannata senza colpa
Dopo la morte della madre, con la quale si dedicava al commercio ambulante nelle campagne, Maria Zef viene ospitata con la sorella minore, Rosetta, in un convento di suore. Quando Rossella, ammalata, deve andare all'ospedale, Maria va a vivere con lo zio Zane in una baita alpestre. La ragazza è innamorata di Piero, ma questi è costretto a trasferirsi in città, in cerca di lavoro: del resto, i parenti dell'innamorato sono contrari alle progettate nozze. Maria accudisce alle faccende domestiche e aiuta lo zio nel lavoro dei boschi; ma il vecchio Zane è uomo dagli istinti bestiali, dedito all'alcool, e il suo modo di fare desta in Maria una viva ripugnanza. Una sera lo zio, in preda ai fumi dell'alcool, le usa violenza: dopo qualche giorno, la ragazza scopre di aver contratto un male inesorabile e apprende anche che anche la sua povera madre, divenuta vedova, è stata vittima del cognato. La vita nella baita è divenuta ormai insopportabile: quando una sera lo zio Zane, di nuovo ubriaco, le propone di andare in città, dove un laido gobbo ha già tentato d'attirarla, essa lo uccide a colpi di accetta, poi fugge disperata e trova la morte in un precipizio. Rosetta sarà poi raccolta pietosamente dalla famiglia di Piero.
  • Durata: 76'
  • Colore: B/N
  • Genere: DRAMMATICO
  • Tratto da: Dal romanzo "Maria Zef" di Paola Drigo
  • Produzione: CINE ASSOCIATI
  • Distribuzione: REGIONALE

CRITICA

"E' un lavoro mediocre e poco interessante". ("Segnalazioni Cinematografiche", vol. 34, 1953).
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy