Come perdere moglie e trovare un'amante

ITALIA - 1978
Come perdere moglie e trovare un'amante
Il signor Alberto Castelli è l'annoiato dirigente della ditta romana "Il latte di salute" che, di ritorno nella propria magione prematuramente, trova la moglie americana in compagnia dell'idraulico. Rimasto solo, il marito tradito si sottopone alle cure dello psicanalista dr. Rossini che lo spedisce in Val Malenco, presso la baita dei coniugi Anselmo e Anita. Eleonora Rubens, invece, è una giovane donna con la quale il Castelli si è scontrato in automobile e in ospedale, gettando le basi di una rivalità mortale. Invece anche la appariscente olandese viene mandata dallo stesso dr. Rossini tra le nevi di Val Malenco. I due cuori solitari sono destinati a incontrarsi, ma non senza numerosi equivoci. Infatti, Alberto, prima di trovare la strada del letto di Eleonora, troverà quello di Marisa, l'amica dell'olandese, venuta in montagna per trovarla; e si accoppierà persino con la mastodontica Anita, padrona di casa e moglie di Anselmo. Un incidente sciistico unirà Alberto e Eleonora in un gelato pagliaio da dove i soccorritori li trasporteranno in ospedale per un matrimonio in "articulo mortis" che i due, redivivi, accetteranno con entusiasmo.
  • Altri titoli:
    How to Lose a Wife and Find a Lover
    Cómo perder una esposa y ganar una amante
  • Durata: 104'
  • Colore: C
  • Genere: COMMEDIA, EROTICO
  • Specifiche tecniche: VISTAVISION - COLORE
  • Produzione: CINEMATOGRAFICA ALEX
  • Distribuzione: TITANUS - CREAZIONI HOME VIDEO, DVD: 01 DISTRIBUTION HOME VIDEO (2009)
  • Vietato 14

CRITICA

"A differenza delle pecorecce e triviali commedie all'italiana impostate sugli ambienti delle scuole e delle caserme, questa commedia degli equivoci si distingue per una più agguerrita furberia nel propinare scenette già viste e bisticci verbali consumati dall'uso. Nel complesso, nonostante le scelte più accurate delle ambientazioni, il prodotto è deludente e di una comicità di bassa lega." ('Segnalazioni cinematografiche', vol.86, 1979)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy