Ci risiamo, vero Provvidenza?

ITALIA - 1973
Il versatile Provvidenza, che vive riscuotendo taglie i cui soldi investe in azioni, e viaggia, in compagnia di un servo e autista cinese, con una attrezzatissima auto a vapore, salva la vita a una giovane, Pamela, se ne innamora e la chiede in sposa. Per poterla impalmare, però, poiché suo padre l'ha promessa a un suo creditore, il capitano Bart, deve trovare mezzo milione di dollari. Con l'aiuto di Hurricane Kid, un erculeo ma balordo malvivente che egli stesso ha liberato dalla forca, Provvidenza cerca dapprima di procurarselo al gioco (truccando la roulette), poi di truffarlo, improvvisandosi banchiere, ai cittadini di Tucson. Fallito il primo tentativo, per la dabbenaggine di Kid, e il secondo, per l'intervento di Bart, Provvidenza riesce finalmente ad impadronirsi, sottraendoli da un treno postale, di due sacchi colmi di pepite, liberatosi del cocciuto Bart, fuggendo in aerostato, raggiunge la casa di Pamela, dove, però, scopre d'essere stato ingannato, poiché la donna è già sposata con l'uomo che s'è spacciato per suo padre e nel quale Provvidenza riconosce ora un famoso bandito cinese. Rassegnatosi alla sconfitta, non gli resta che risalire sul suo aerostato, in volo verso nuove avventure.

CAST

CRITICA

"Riprendendo il personaggio di un precedente film, sceneggiatori e regista lo hanno trasformato in una figura "alla Charlot", protagonista - in una raffinata ambientazione liberty - di stravaganti avventure, in cui il surrealismo si mescola alla comicità del film muto, la parodia del western a quella del kung-fu, la fiaba sentimentale al "non sense". Ricco di gags indovinate, sorretto quasi sempre dal buon gusto (salvo qualche gioco di parole un po' salace, peraltro non troppo spinto) il lavoro raggiunge il suo scopo di onesta e popolare evasione." ('Segnalazioni Cinematografiche')
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy