Cena con delitto - Knives out

Knives Out

2019
3,5/5
  • Durata: 131'
  • Genere: DRAMMATICO
  • Produzione: RIAN JOHNSON
  • Distribuzione: 01 DISTRIBUTION IN COLLABORAZIONE CON RAI CINEMA
  • Data uscita 5 Dicembre 2019

TRAILER

RECENSIONE

di Gian Luca Pisacane
Terapia di famiglia, come uccidere il capostipite e vivere felici. O quasi. Rian Johnson ama stressare i generi, potarli al limite. Conosce le regole, ma non resta nei canoni, sa come rielaborarli, mettendo anche a disagio lo spettatore. In Looper – In fuga dal passato aveva inserito l’esecuzione di un bambino in una storia targata Disney, per poi dare una sua versione dell’eredità lasciata da Terminator, e non solo. Il suo estro ha poi trovato terreno fertile nel dibattuto Star Wars: Gli ultimi Jedi. Ha preso il mito e lo ha attualizzato, omaggiando altri universi, non avendo paura di osare, di allontanarsi dall’anima più classica del franchise.

Johnson ha reso il suo cinema qualcosa di “estremo”, ardito, decisamente coraggioso. Sfida i puristi, sceglie strade poco battute, provoca nella sua originalità. E anche in Cena con delitto – Knives Out continua il suo percorso di destrutturazione, dedicandosi al giallo. L’impostazione è quella del whodunnit alla Agatha Christie: un misterioso omicidio, una villa da re, tanti sospettati che avrebbero “ottime” ragioni per eliminare la vittima (siamo dalle parti di Assassinio sull’Orient Express). La polizia vorrebbe archiviare il caso alla svelta, ma un brillante detective si prepara a far luce sul mistero.


 


Si chiama Benoit Blanc ed è interpretato da un insolito Daniel Craig. Il nome europeo fa il verso al belga Hercule Poirot, di cui Blanc è la versione americana. È sornione, colto, sa aspettare, ma non è imperturbabile. A differenza di Poirot, ha la fisicità di 007, che Johnson con intelligenza disinnesca e non esalta. Si destreggia tra Colombo e Philo Vance, è sempre elegante, mai fuori posto, fuma il sigaro (non la pipa come Sherlock Holmes), ma non si prende troppo sul serio, e a volte sembra una parodia (voluta) dell’investigatore privato tout court.

Ascolta la musica in mezzo alle sirene, è fissato con i donut, si lancia in paragoni esilaranti con i buchi al centro delle ciambelle. Però cita anche il romanzo L’arcobaleno della gravità, di Thomas Pynchon, titolo che fa riferimento alla parabola di un missile, dalla partenza fino a quando raggiunge il bersaglio. Qui Blanc sostiene che la verità atterrerà ai suoi piedi seguendo la stessa traiettoria. E Craig ne è il mattatore, perno di una vicenda corale dagli esiti pirotecnici.


 


Johnson porta i suoi personaggi sul banco dei testimoni, li interroga, non li abbandona mai, nella prima parte richiama addirittura Rashomon. Gioca con la verità, la frammenta in molte linee narrative (come in Star Wars) e si lancia anche in inseguimenti mirabolanti. Azione, intelletto, parenti serpenti, richiami politici che sbeffeggiano Trump e l’America sovranista.

Ma Cena con delitto – Knives Out è anche il punto di incontro di più immaginari. Al centro del salone della tenuta c’è un trono di spade: i coltelli creano un’aura di metallo attorno al “sovrano” di turno. Johnson fa quasi danzare i suoi presunti killer vicino a quella poltrona, ma alla fine a sedersi sarà soltanto uno (innocente o colpevole?). In un Cluedo senza esclusione di colpi, che ammicca ai fenomeni moderni e risveglia le “piccole cellule grigie” tanto care alla Christie dei tempi migliori. Cast stellare, oltre a Craig: Chris Evans, Jamie Lee Curtis, Ana de Armas e Michael Shannon.

NOTE

- UN'ESCLUSIVA PER L'ITALIA LEONE FILM GROPUP

- - FILM DI CHIUSURA DEL 37° TORINO FILM FESTIVAL (2019)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy