Cecilia

FRANCIA, ITALIA - 1975
Cecilia
Nel 1887, per sperimentare la possibilità di trasferire nella realtà le teorie anarchiche di cui è fermo sostenitore, l'italiano Giovanni Rossi va, con alcuni suoi connazionali - una decina, tra i quali una donna, Olimpia - in Brasile e impianta, su un appezzamento di terra concessogli dall'Imperatore di quel paese, una 'comune' socialista, Cecilia, di 'senza Dio, né padroni'. La grande nemica da battere è considerata però la famiglia, fonte, per gli anarchici, di tutti i mali, dal capitalismo all'egoismo: l'amore, perciò, deve essere libero e la donna di tutti senza appartenere a nessuno. Mentre la 'comune' incontra subito alcuni ostacoli - l'impossibilità di raggiungere l'autosufficienza, gli attriti tra operai e contadini - Rossi parte per l'Italia, dove il suo esperimento è stato criticato, per un giro di conferenze. Caduto l'Imperatore e succedutagli la repubblica, il governo revoca la concessione di territorio di Cecilia, per cui alcuni membri della "comune" sono costretti a lavorare nelle cave di pietra dello Stato. Con una trentina di nuovi coloni, tra cui donne e bambini. Rossi torna dall'Italia e subito nascono nuovi problemi, creati soprattutto dall'attaccamento dei contadini alla famiglia e alla proprietà: non volendo rinunciarvi, alcuni di loro, una mattina, abbandonano Cecilia. L'esperimento di Rossi è fallito.
  • Altri titoli:
    La Cécilia
  • Durata: 110'
  • Colore: C
  • Genere: DRAMMATICO, SOCIALE
  • Specifiche tecniche: EASTMANCOLOR
  • Produzione: FILMOBLIC, CECRT (PARIGI), SABA CINEMATOGRAFICA (ROMA)
  • Distribuzione: INDIPENDENTI REGIONALI (1976)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy