Capitan Conan - Un cane lupo non è un lupo

Capitaine Conan

FRANCIA - 1997
Capitan Conan - Un cane lupo non è un lupo
Nel settembre del 1918, durante la Prima guerra mondiale, l'esercito francese ottiene una decisiva vittoria e la resa della Bulgaria. A distinguersi in quella battaglia sono gli uomini, tutti ex galeotti, comandati dal capitano Conan. Firmato l'armistizio, gli uomini di Conan, di stanza a Bucarest, si abbandonano a violenze e saccheggi. Viene inviato ad indagare sull'accaduto il tenente Norbert, buon amico di Conan. L'amicizia fra i due viene messa a dura prova dai risultati dell'indagine.
  • Durata: 127'
  • Genere: DRAMMATICO
  • Specifiche tecniche: SCOPE A COLORI
  • Tratto da: Dal romanzo di Roger Vercel
  • Produzione: LITTLE BEAR, LES FILMS ALAIN SARDE, TF1 FILMS PRODUCTION
  • Distribuzione: COLUMBIA TRISTAR FILM ITALIA (1997) - MONDADORI VIDEO - BIM

NOTE

REVISIONE MINISTERO MAGGIO 1997.
GRAN PREMIO FRANCE CINEMA 1996 A FIRENZE. PREMIO CESAR 1996 MIGLIOR REGIA. PREMIO CESAR 1996 MIGLIOR ATTORE A PHILIPPE TORRETON.

CRITICA

"Seguendo sia la lettera sia lo spirito del romanzo, Tavernier sceglie la struttura del diario con un racconto spoglio, asciutto, essenziale, fatto di annotazioni isolate e di salti che accentuano la dirompente drammaticità del testo". (Enzo Natta, 'Famiglia Cristiana', 9 luglio 1997).

"Le scene di guerra si esauriscono nella prima parte, ma l'atmosfera avvelenata del film continua ad essere quella della violenza endemica, della diarrea, della blenorragia, delle diserzioni, degli appelli retorici, della 'Marsigliese' stonazzata; e del generale cinico e fatuo che pensa solo al pranzo e alla cena, inciso al vetriolo da Claude Rich. Finale crepuscolare con Norbert che fa tappa nel borgo dove Conan aspetta la morte amareggiato e afflitto dalla cirrosi. Nobilissimo nell'assunto e di buona mano nell'esecuzione, il film di Tavernier si presenta con un alone da piccolo classico che lo destina a tutte le future rassegne cineclubistiche sulla Prima guerra mondiale". Tullio Kezich, 'Il Corriere della Sera', 7 giugno 1997).

"Ispirato all'omonimo romanzo verità di Roger Vereel, premio Goncourt 1934, 'Capitan Conan' è un film imperfetto ed esemplare, destinato a non sedurre i contemporanei ma a durare nel tempo. Esemplare, per nettezza e misura classica, è lo sguardo sulla guerra, il misto di orrore e idiozia che sprigionano le truppe cenciose e quei generali più attenti alla tavola che alle battaglie, il rispetto (in controtendenza) per la realtà che restituisce consistenza e dolore a ogni singola azione. Nella guerra di Tavernier gli zaini pesano, pesano le armi e i corpi che cadono senza un rumore durante azioni improvvise, spaventose, soprattutto faticose. Altro che realtà (e guerra) virtuale: nel 15-18 comanda ancora il corpo, e Tavernier ce lo ricorda ad ogni fotogramma. Basterebbe questo a fare di 'Capitan Conan' un film importante, oggi che il problema dei guerrieri di professione divampa a Nord e a Sud, a Est e ad Ovest. Per buona misura Tavernier ci aggiunge uno straordinario lavoro sul paesaggio, sempre arido, roccioso, lontano dal cliché delle trincee buie e fangose. Ma a forza di moltiplicare gli episodi alternando l'orrore al grottesco, l'azione alla discussione, finisce per perdersi dietro a un eccesso di spunti e al vecchio gusto francese del dialogo 'ben scritto'. Peccato perché a rimetterci è il cuore del film, e cioè la contrastata amicizia fra il rude Conan (l'energico Philippe Torreton) e il colto, riflessivo Norbert (Samuel Le Bihan), proiezione di Vercel, incaricato di processare i 'lupi' del capitano per certe azioni criminose compiute a Bucarest". (Fabio Ferzetti, 'Il Messaggero', 9 giugno 1997).
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy