Cani e gatti

ITALIA - 1952
In un paesetto di montagna hanno luogo le elezioni municipali. Due liste si contendono i voti degli elettori: quella capeggiata dal farmacista Filippo e l'altra, di cui è magna pars Elvira, l'albergatrice che non può perdonare a Filippo di non averla sposata. Vince la lista del farmacista, che viene eletto sindaco; ma Elvira è ben decisa a rendere la vita difficile al fedifrago. A conseguire l'intento serve mirabilmente una proposta di Elvira, che riguarda l'apertura di una nuova farmacia, che dovrebbe esser gestita dal di lei nipote. Naturalmente il sindaco è contrario al progetto: una vecchia legge ammette l'apertura di più d'una farmacia soltanto nei paesi con più di tremila abitanti. Ora il paese di Filippo e d'Elvira ha precisamente tremila abitanti. Ecco accendersi la lotta tra i due partiti: quello d'Elvira propugna l'incremento delle nascite, quello del sindaco ne consiglia la limitazione. La lotta si combatte con alterna vicenda, finché la nascita di un nuovo bambino preannuncia il trionfo dell'albergatrice; ma anche la figlia di Filippo aspetta un bambino, frutto del suo amore per il nipote d'Elvira. Tutto finisce per il meglio col matrimonio degli amanti, cui seguiranno le nozze di Filippo e d'Elvira.

CAST

2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy