Candidato a sorpresa

The Campaign

USA - 2012
2/5
Candidato a sorpresa
Carolina del Nord. Le elezioni sono imminenti, ma l'onorevole Cam Brady commette pubblicamente una enorme gaffe che spinge una coppia di ultra milionari senza scrupoli a tramare contro di lui. I due, infatti, decidono di sostenere un candidato rivale per ottenere la maggioranza nel loro distretto e la scelta cade sull'ingenuo Marty Huggins, direttore del locale Ufficio del Turismo. Ben presto, il carismatico Cam si rende conto che il rivale apparentemente innocuo - ma ben consigliato e sostenuto - potrebbe effettivamente essere eletto al suo posto e con l'avvicinarsi delle elezioni, i due si troveranno coinvolti in un'atmosfera incandescente...
  • Durata: 97'
  • Colore: C
  • Genere: COMMEDIA
  • Specifiche tecniche: ARRI ALEXA ARRI RAW (2.8K)/2K (1:1.85)
  • Produzione: WILL FERRELL, ADAM MCKAY, JAY ROACH, ZACH GALIFIANAKIS PER GARY SANCHEZ PRODUCTIONS, EVERYMAN PICTURES
  • Distribuzione: WARNER BROS. PICTURES ITALIA
  • Data uscita 21 Settembre 2012

TRAILER

RECENSIONE

di Gianluca Arnone
Se volevano farci ridere ridicolizzando la politica, hanno toppato. La politica - noi italiani lo sappiamo bene - fa già ridere di suo. Un film come Candidato a sorpresa sembra perseguire piuttosto un altro obiettivo, un fine non dichiarato, non diversamente dai due avversari nella corsa al Congresso del Nord Carolina: l'onorevole di lungo corso, Cam Brady (Will Ferrell) e l'utile idiota Marty Huggins (Zach Galifianakis), direttore del locale Ufficio del Turismo.
Solo per la cronaca: il primo è un democratico, il secondo un repubblicano. Ma è una info che conta zero nell'economia del racconto, perché l'uno e l'altro appartengono invece a una razza politica bipartisan, quella dei pagliacci. I numeri eseguiti in campagna elettorale potrebbero effettivamente essere replicati al circo, con l'avvertenza di non portarvi i bambini: non tanto perché questi - come sa bene chi ha già visto il trailer - vengono presi letteralmente a cazzotti, ma per la profusione di volgarità e sketch scatologici degni della nostra "cinematografia natalizia". Il che non significa che non siano anche divertenti (dipende dalla vostra idea di divertimento), basta non confondere la satira (che non c'è) con l'evasione, vero obiettivo di questo film.
D'altra parte, come dicevamo all'inizio, quando fai una parodia della parodia non ottieni una parodia al quadrato, ma esattamente il contrario: una parodia azzerata. La presa in giro diventa così iperbolica e deformante da non permettere più di riconoscere il vero obiettivo dell'invettiva. Inoltre la presenza di Ferrell e Galifianakis è un ulteriore indizio delle velleità di questa commedia. Si tratta di due maschere note della comicità US più fessa: puoi prenderli sul serio?
Certo il ventre molle della società americana viene esibito con tutte le sue nefandezze: fanatismo troglodita, omofobia, razzismo, sessimo, ossessione cinese, soldi. Ma più che uno sventramento, gli autori (Jay Roach in regia, Chris Henchy e Shawn Harwell alla sceneggiatura) offrono un pessimo campionario da esposizione - vedere, ridere e passare avanti - senza mai avere la forza d'incidere o la voglia di andare più a fondo. E anche il presunto spot contro il finanziamento privato ai politici - dietro la candidature dell'inetto Galifianakis ci sono due plutocrati (Dan Aykroyd e John Lithgow) che vogliono svendere il Nord Carolina ai cinesi - lascia il tempo che trova, vista l'assoluta fiducia che il film ripone sulla lex terrae d'America e sui suoi uomini, orripilanti finché si vuole ma sempre capaci alla fine di tirare fuori il meglio di sè.
Perché se è vero che "i politici non hanno regole" - come ci ricorda una didascalia all'inizio - Hollywood invece ha le sue. E sono incontrovertibili. Divertitevi.

CRITICA

"Chi è convinto che i nostri politici sono i peggiori del mondo, veda per conforto questa commedia divertente sulle elezioni Usa con in gara un tronfio candidato a vincere, maniaco sessuale, esperto in gaffe al telefono e un neofita ingenuo di famiglia extra large. Jay Roach, migliora da 'Ti presento i miei', azzecca tempi comici su un copione cinico e ben scritto, con la scena cult del pugno sul bimbo. Una specie di Capra in versione trash. Ferrell e Galifianakis, due campioncini." (Maurizio Porro, 'Il Corriere della Sera', 21 settembre 2012)

"Il regista mette in scena il grottesco circo della politica fatto di scandali e colpi bassi, ma la comicità è greve e infantile." (Alessandra De Luca, 'Avvenire', 21 settembre 2012)

"Il regista Roach ('Austin Powers', 'Ti presento i miei') fonde comicità di grana grossa con satira politica niente male. Ferrell e Galifianakis in gran forma." (Francesco Alò, 'Il Messaggero', 21 settembre 2012)

"Bizzarra commedia, che scava con un umorismo zavorrato dalle eccessive volgarità, dietro le quinte della politica, per dimostrare che anche un omino qualunque può puntare con successo in altissimo. Tutta roba già detta, sicuramente con maggiore garbo." (Massimo Bertarelli, 'Il Giornale', 21 settembre 2012)

"Piacerà agli appassionati della farsa a ruota libera. Che riconosceranno la mano di Jay Roach, l'uomo di 'Ti presento i miei' maestro nel trovare gli effetti comici. E anche nel suo piccolo, bel descrittore di paranoie. (...) Zach Galiafcankis (nonostante quel nome impronunciabile) prevale di mezza incollatura su Will Ferrell." (Giorgio Carbone, 'Libero', 21 settembre 2012)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy