Can't Stand Losing You

USA - 2012
3/5
Can't Stand Losing You
Immagini, filmati e clip inediti per ripercorre la storia di una delle più famose rock-band, The Police, dagli esordi fino al famoso "Reunion Tour" 2007-08. Raccontato dal chitarrista Andy Summers, è un viaggio di ricordi: l'incontro con il batterista Stewart Copeland e il cantante Sting, la difficile scalata al successo, il successo e i tour mondiali sold out, le discussioni e i battibecchi insostenibili tra loro tanto che costrinsero la band a prendersi una pausa durata 27 anni fino all'annuncio, nel 2007, della loro ultima tournée.
  • Durata: 83'
  • Colore: C
  • Genere: DOCUMENTARIO, MUSICALE
  • Produzione: BOB YARI PRODUCTIONS
  • Distribuzione: UNIVERSAL (2014)
  • Data uscita 30 Giugno 2014

TRAILER

RECENSIONE

di Gianfrancesco Iacono
Londra, 1977: il neonato movimento punk sta ponendo una pietra tombale sui barocchismi del progressive-rock, quando tre spavaldi trentenni dal ciuffo biondo e dal piglio snob cominciano a miscelare furore punk, passo reggae e raffinatezze jazzistiche con sbruffonesca nonchalance. I tre si chiamano Sting, Andy Summers e Stewart Copeland, il nome della loro band, The Police, è uno schiaffo parodico alla furia iconoclasta del punk che li ha visti crescere e che assisterà, inesorabilmente, all'irresistibile ascesa del gruppo negli anni seguenti, sino a uno stratosferico successo mondiale.
Basato sul bestseller autobiografico One Train Later, scritto dal chitarrista Andy Summers, Can't Stand Losing You è un docufilm intrigante e al contempo signorile, full of Britishness come i suoi protagonisti, impegnato a ripercorrere il folgorante tragitto di una delle band simbolo della musica contemporanea; in una manciata d'anni (1977-1983) e con appena cinque dischi all'attivo, i Police sono riusciti a conquistarsi un posto d'onore nell'Olimpo del rock prima di cedere dinanzi all'inevitabile cocktail di protagonismi, eccessi e aberrazioni da show-business che ne sancirà il precoce scioglimento. Trent'anni (di liti) dopo, un trionfale reunion-tour in tutto il mondo segna il ritorno della band, pronta a congedarsi dai propri fan in grande stile. C'è poco da fare, i Giganti del rock sono ormai tutti o nella tomba o in via di mummificazione e, con la penuria di Miti ed Eroi che affligge il mondo nelle ultime decadi, non ci resta che celebrare la grandezza del tempo che fu.
Questo Can't Stand Losing You, a firma di Andy Grieve e Lauren Lazin, viene a inserirsi nella lista di documentari-verità che celebrano le glorie rock del secolo scorso e, senza dubbio, si situa fra i migliori, sulla scia dell'intenso When You're Strange (2009) di Tom DiCillo, dedicato ai Doors. Il merito maggiore del film è senz'altro il piglio autobiografico garantito dalla voce e dalla ricostruzione dello stesso Andy Summers: gli inizi stentati del gruppo in una Londra ancora stordita dalla contestazione, i primi successi, lo stress alienante di tour mondiali infiniti e i capricci e le incomprensioni di rockstar viziate che, pian piano, non riescono più a comprendere le ragioni dell'amicizia che un tempo era stata alla base di un sodalizio artistico esplosivo.
Morale della serie: gli anni passano e il mondo prosegue il suo cammino folle, ma il message in a bottle lanciato da Sting & Co ha raggiunto la destinazione, superando lo scoglio del tempo col suo accorato, e indiavolato (com'è proprio della musica rock), appello alla lotta contro la solitudine e la disperazione.

CRITICA

"Più che una vera storia dei Police, il film di Andy Grieve 'Can't Stand Losing You' è la descrizione, molto critica e poco euforica, del punto di vista del chitarrista Andy Summers. Dalle immagini in bianco e nero, dai titoli sparati sui giornali, dalle riprese dei concerti trionfali emerge, a poco a poco, una sola figura e un solo volto, quello dell'allora vocalist Sting. La star che aveva avvertito prima dei suoi compagni (...) l'insofferenza alla vita comune della band, il divo che, ancora oggi, risplende sulla scena del rock mondiale. Torso nudo e piglio aggressivo, il leader si stacca presto dalla foto di gruppo dei Police, si vede subito che la condivisione del successo gli sta stretta, e si capisce perché, alla fine, sia rimasto in piedi solo lui. Per questo, su 'Can't Stand Losing You', aleggia la malinconia del rimpianto e la sensazione che, con la diaspora, si sia perso il valore dell'iniziale miracolo. I Police non ci sono più, ci è rimasto un musicista importante come Sting, con la famiglia numerosa, l'esistenza da super-vip braccato dai paparazzi, il tono ascetico e le meditazioni da santone." (Fulvia Caprara, 'La Stampa', 3 luglio 2014)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy