Burn After Reading - A prova di spia

Burn After Reading

USA, GRAN BRETAGNA, FRANCIA - 2008
Burn After Reading - A prova di spia
La vita di Osbourne Cox, agente della CIA, sta prendendo una piega decisamente negativa. L'agenzia investigativa ha deciso di licenziarlo e sua moglie Katie, che ha una relazione con lo sceriffo federale Harry Pfarrer, vuole divorziare. Per vendicarsi dei suoi ex colleghi, Cox decide di scrivere le sue memorie. Ma per un disguido, il disco su cui sono salvati i dati necessari a redigere il memoriale finiscono nelle mani di Linda e Chad, dipendenti di una palestra, che vedono nel fortunato ritrovamento un fonte per guadagnare soldi extra, innescando così una serie di bizzarre situazioni.
  • Durata: 95'
  • Colore: C
  • Genere: COMMEDIA, NOIR
  • Specifiche tecniche: ARRICAM, 35 MM (1:1.85)
  • Produzione: ETHAN COEN, JOEL COEN, TIM BEVAN ED ERIC FELLNER PER WORKING TITLE FILMS, MIKE ZOSS PRODUCTIONS
  • Distribuzione: MEDUSA, DVD E BLU-RAY: MEDUSA HOME ENTERTAINMENT (2009)
  • Data uscita 19 Settembre 2008

TRAILER

RECENSIONE

di Valerio Sammarco
Basterebbero i titoli di testa di Burn After Reading - film Fuori Concorso che stasera aprirà ufficialmente il Festival di Venezia - per avere sin da subito chiare le intenzioni dei fratelli Coen, che per la prima volta concepiscono una vera e propria spy-story senza però dimenticare (anzi, caricandone alcuni aspetti) i tratti distintivi dei loro ormai non più occasionali divertissement d'autore. Intrigo corale, fisime e paranoie dell'uomo di mezz'età contemporaneo, ricatti e sospetti: tutto ruota intorno al ritrovamento fortuito di un CD contenente informazioni dettagliate su Osbourne Cox (John Malkovich), analista della CIA fresco di licenziamento e sposato con una donna (Tilda Swinton) che ormai da tempo lo tradisce con Harry Pfarrer (George Clooney), funzionario del Tesoro nonché paranoico sessuomane. Finito nelle mani di Chad Feldheimer (Brad Pitt), personal trainer schizzato e ingenuotto di una palestra alla periferia di Washington, quel CD potrebbe trasformarsi nel passepartout agognato dalla sua collega Linda Litzke (come sempre straordinaria Frances McDormand),  per pagare i "necessari" ritocchi chirurgici di cui ha tanto bisogno. Basterà entrare in un vortice di ricatti da cui non sarà poi così facile uscire...
Sceneggiatura (quasi) di ferro, satira intelligente e divertente sui film di spionaggio (dalle inquadrature sui piedi dei funzionari CIA negli asettici corridoi al fantastico duetto finale nell'ufficio del Direttore generale), Burn After Reading dimostra una volta di più quanto il cinema dei fratelli Coen sia in grado di parlare innumerevoli lingue, meglio ancora se - come da tradizione - pensato e scritto per essere interpretato da attori di altissimo livello: la "perfetta idiozia" di Clooney (volutamente o meno, sintesi parodistica dei personaggi già interpretati in Syriana e Michael Clayton), Pitt e la McDormand non sorprende, così come la trattenuta e misurata classe di Tilda Swinton e Richard Jenkins (il manager della palestra innamorato di Linda), enorme caratterista di tanto cinema e tv USA. Su tutti, però, al fotofinish la spunta John Malkovich, anche lui all'esordio in un film dei fratelli Coen, perno centrale dell'intera vicenda, superbo nel rendere il progressivo disfacimento psicofisico di un uomo distrutto.

NOTE

- FILM D'APERTURA, FUORI CONCORSO, ALLA 65. MOSTRA INTERNAZIONALE D'ARTE CINEMATOGRAFICA DI VENEZIA (2008).

- CANDIDATO AL GOLDEN GLOBE 2009 PER: MIGLIOR MUSICAL/COMMEDIA E MIGLIORE ATTRICE PROTAGONISTA (FRANCIS MCDORMAND).

CRITICA

"I fratelli Coen riuniscono i fratelli di pellicola George Clooney e Brad Pitt, anche se solo sulla carta, visto che tranne per uno scontro a fuoco molto bizzarro, ripreso con controcampo e montaggio alternati, vivono due storie parallele. Il risultato è una riuscitissima commedia degli errori e degli orrori sulla Cia e i (dis)servizi segreti. Clooney nevrotico fedifrago e funzionario del Tesoro con tanto di pistola chiude la 'trilogia dell'idiota' con i due fratelli da Oscar (prima erano arrivati 'Fratello dove sei?' e poi 'Prima ti sposo, poi ti rovino') ma il vero mattatore è Mr. Jolie con riflessi biondi e pettinatura inguardabile nella parte di un ingenuo istruttore di fitness che si crede furbissimo. I suoi balletti, le sue espressioni facciali e verbali sono quasi da cinema muto e regalano una performance comica di imprevedibile eccellenza. La trama è solo un pretesto per gag e stilettate di satira sociale e politica". (Boris Sollazzo, 'Il sole 24 ore', 28 agosto 2008)

"L'America dei fratelli Coen è sempre spaventosa, irrecuperabile, crudele, anche se quasi sempre fa ridere, o forse proprio per questo. Lo era nel violento e drammatico film precedente 'Non è un paese per vecchi', molto premiato, Oscar compreso, lo è ancora di più adesso con l'ironico e travolgente 'Burn After Reading'. Non solo racconta la desolazione dei miti di oggi, gli stessi, che pure prendiamo sul serio e addirittura esaltiamo dimenticandoci di riderne, ma obbliga anche a porsi una domanda meno divertente e più inquietante: se davvero i servizi segreti americani, la Cia, l'FBI, nei piccoli disguidi quotidiani sono così incapaci e spietati, così affidati al caso e così bugiardi, così abili nel nascondere gli errori e a dimenticarli, così burocratici e ridicoli, non è che si comportano allo stesso modo nei grandi frangenti mondiali ed epocali, quando si rompono le alleanze politiche, si creano nemici, si progettano invasioni, ci si imbatte nel famoso fuoco amico, si scatenano le guerre?". (Natalia Aspesi, 'la Repubblica', 28 agosto 2008)

"Finalmente i Coen ce l'hanno fatta. Dopo una serie di film forse ispirati ma poco trascinanti e un paio di commedie azzoppate hanno aperto la Mostra di Venezia facendoci ridere di cuore. La conclusione della cosiddetta 'trilogia dell'idiota' ispirata a George Clooney ('Fratello, dove sei?', 'Prima ti sposo, poi ti rovino') con 'Burn After Reading' centra il bersaglio e regala una commedia di quelle che a ripensarci ti mettono addosso i brividi. (...) Per loro fortuna, i due Coen sono impermeabili a qualsiasi provocazione e da anni non rispondono a nessuna richiesta, né intelligente né stupida. L'unica cosa che si riesce a ricavare dalle loro mezze parole è che 'Burn After Reading' nasce in contemporanea con il pluri-Oscar 'Non è un paese per vecchi' e che più che a una trama il loro pensiero era rivolto alla volontà di trovare i giusti ruoli per il gruppo di attori con cui avevano intenzione di lavorare. Come poi dalle loro penne nasca una commedia-thriller invece che un film di fantascienza non sono in grado (non hanno alcuna voglia) di spiegarlo. L'ovatta acefala in cui tutti siamo immersi in questa prima conferenza stampa veneziana si squarcia solo per alcuni secondi, quando una collega illuminata chiede a Pitt e a Clooney se nutrono - nei giorni della convention democratica di Denver - buone speranze o pessimismo verso il futuro del loro paese. I due, inaspettatamente, riferiscono entrambi di un'America in ottima salute e pronta al cambiamento. Speriamo non siano solo battute da trilogia degli idioti". (Roberta Ronconi, 'Liberazione', 28 agosto 2008)

"I fratelli Ethan e Joel, reduci della sanguinaria ballata 'Non è un paese per vecchi', si sono concessi un'altra di quelle eterogenee commedie che marciano sul filo della satira di costume, adombrano un commento politico, si spingono alle soglie del noir e infine si esaltano nella libera uscita delle distorsioni grottesche. In questo caso, inoltre, il cruciale disegno dei caratteri è felicemente affidato a un gruppo di divi che fanno gli attori e attori che fanno i divi, col risultato di conferire all'insieme più smalto di quanto in realtà posseggano sceneggiatura e soggetto. Se dovessimo racchiudere in slogan il meglio di 'Burn After Reading', potremmo non a caso pensare a titoli del tipo 'Brad Pitt palestrato senza cervello', 'George Clooney cialtrone fedifrago' o 'John Malkovich agente Cia nevrastenico'." (Valerio Caprara, 'Il mattino', 28 agosto 2008)

"I fratelli Coen una certezza ce l'hanno: il mondo è pieno di stupidi. Che qualche volta sanno quello che fanno ma più spesso non riescono nemmeno a spiegare le ragioni delle proprie azioni, come dice sconsolato il funzionario della Cia che chiude sulla scrivania il dossier top secret. Dentro c'è la storia di 'Burn After Rending', il film che ha inaugurato fuori concorso e con tante risate la sessantacinquesima Mostra d'arte cinematografica di Venezia. (...) Nemmeno quella Cia a cui gli Usa affidano la propria sicurezza (e stavolta ogni riferimento a 'fatti e persone reali' - leggi Bush - sembra proprio voluto). Ad aiutarli un gruppo di attori che dà l'impressione di essersi molto divertito a girare, ma che per una volta sa trasferire allo spettatore altrettanta allegria e divertimento". (Paolo Mereghetti, 'Corriere della Sera', 29 agosto 2008)

"Benissimo: il Film che ha inaugurato fuori concorso la 65° Mostra, 'Burn After Reading', scritto e diretto dai fratelli Joel e Ethan Coen (per la prima volta Ethan firma anche come regista) è una commedia molto molto divertente, perfetta, piena di star. Una commedia confusa, ridicola e tragica come il mondo contemporaneo dove soldi, sospetto, fitness, sesso on line sono cose essenziali. (...) Il film divertente e tragico (come 'Barton Fink', o 'Fargo') è montato molto velocemente e bene (dagli stessi fratelli Coen, sotto lo pseudonimo di Roderick Jaynes), la fotografia di Emmauel Ludibezki incisiva e bella dà al film toni orientali; tutti gli attori non potrebbero essere più bravi, ma Brad Pitt ha il personaggio migliore". (Lietta Tornabuoni, 'La Stampa', 28 agosto 2008)

"Il film sbaglia del tutto la misura a cui puntava. Voleva essere una satira che prendesse di mira l'agenzia americana di spionaggio, la potente Cia, e la sua omologa sovietica (o russa?). Il pretesto per una sorta di congiura internazionale viene dato nel fiml da quella labilità nei sentimenti, da quella paura di essere se stessi che, a parere dello sceneggiatore e dei registi, distinguono il cittadino medio americano. Bastano due rughe sotto gli occhi a spingere una donna a rifarsi la faccia; basta una difficoltà nello svolgere la propria missione di pastore protestante per spingere quest'ultimo ad aprire una palestra che avrà una inaudita fortuna; basta uno screzio matrimoniale per organizzare incontri ai buio destinati alla completa delusione. (...) Non che i fratelli Coen non abbiano le loro ragioni nel definire eccentrico, a dir poco quasi irriconoscibile, un certo modo di vita all'americana. Ma siamo più vicini alla farsa che alla satira che il film si proponeva. I Coen pensavano evidentemente di rifare uno di quei paradossi di Preston Sturges, di cui 'I viaggi di Sullivan' si rivedono ancora con divertimento. Ma restano molto al di qua delle pur lodevoli buone intenzioni". (Francesco Bolzoni, 'Avvenire', 28 agosto 2008)

"La costruzione dei Coen è macchinosa, il registro oscillante e malcerto, il ritmo tutto fuorché serrato, le storie s'intersecano poco e male quando è proprio dall'intersecarsi che trarrebbero una forza narrativa che sembra far difetto a ciascuna di esse presa singolarmente. Anche i personaggi sembrano delineati a metà, come da un ritrattista che avesse posato il pennello a metà dell'opera, poco convinto del suo risultato. Eccezion fatta per un Clooney splendidamente in parte - e qui al terzo capitolo di quella che scherzosamente ha battezzato la 'trilogia degli idioti' dei Coen, dopo 'Fratello dove sei?' e 'Prima ti sposo poi ti rovino' - il resto del cast naviga sopra o sotto le righe, tra un Malkovich un po' troppo cupo e un Pitt caricaturale fino a sembrare smorfioso. Certo, l'idea di sovrapporre la griglia ordinata di una spy story - il genere per eccellenza della concatenazione ferrea di tutti i dettagli - all'andatura erratica e stralunata di una commedia degli equivoci, era tutt'altro che infelice. Ma è rimasta in buona parte un'idea, un'intuizione degna di miglior realizzazione. Restano alcune scene imbroccate e fulminanti; su tutte, il dialogo finale tra i due agenti della Cia, in cui uno smagliante J.K. Simmons tira le somme e conclude che no, tutta la vicenda non significa niente, non dimostra niente e non ci sono lezioni da cavarne". (Guido Vitiello, 'Il Riformista', 28 agosto 2008)

"Le situazioni si susseguono, tutte all'insegna della commedia degli equivoci, ma anche per i modi, le caricature furbe, le segrete irrisioni con cui sono disegnati quasi tutti i personaggi: con un gusto, un'astuzia, una tale costante presa in giro che, appunto, si finisce per ridere (e non soltanto per sorridere) anche quando partono colpi di pistola, scorre il sangue e ci si ritrovano tra i piedi dei cadaveri. Inutile lodare i grandi interpreti al centro. Tutti fanno a gara, con successo, per battersi in comicità esilarante (sempre sottile, però, quasi di testa)". (Gian Luigi Rondi, 'Il Tempo', 28 agosto 2008)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy