Black Cat (Gatto nero)

ITALIA - 1981
Black Cat (Gatto nero)
In una cittadina della campagna inglese vive uno strano personaggio, Robert Miles che trascorre le sue giornate in compagnia di un gatto nero registrando le voci dei morti. Uno dopo l'altro, gli abitanti del paese iniziano a morire: un giovane automobilista perde la vita nel rogo della sua macchina; Maureen e Stan, due fidanzati, rimangono asfissiati nel vagone ferroviario in cui avevano cercato un po' d'intimità; Ferguson, l'ubriacone del luogo, una note cade da un'impalcatura e infine Liliana, madre di Maureen, muore nell'incendio che divampa nella sua abitazione. All'ispettore Gorley di Scotland Yard tutti questi decessi sembrano avere qualcosa in comune e per questo inizia a indagare. La giovane fotografa americana Jill ha trovato vicino a molti dei cadaveri le impronte di un gatto. Tutto porta proprio a Robert Miles. Quando anche Gorley rimane vittima di uno strano incidente e viene diffusa la notizia della sua morte, Jill decide di continuare da sola le indagini...
  • Altri titoli:
    The Black Cat
    Il gatto nero
    Le chat noir
  • Durata: 92'
  • Colore: C
  • Genere: HORROR
  • Specifiche tecniche: 35 MM, TECHNOVISION, TELECOLOR
  • Tratto da: liberamente tratto dal racconto "Il gatto nero" di Edgar Allan Poe
  • Produzione: SELENIA CINEMATOGRAFICA
  • Distribuzione: MEDUSA CINEMATOGRAFICA - DOMOVIDEO
  • Vietato 14

CRITICA

"Prendendo spunto dal racconto di Edgar Allan Poe (quello arcinoto dell'uomo che vede nel suo gatto la reincarnazione di una strega fino a uscirne pazzo e diventare un assassino) Fulci ricostruisce la storia, ambientandola nell'Inghilterra odierna, immaginando la figura antagonista al tenebroso gatto nel paranoico professore dedito all'ascolto delle voci dei morti, registrate con sofisticate apparecchiature". (M. Romagnoli, 'L'Occhio del Testimone', Granata Press, 1992)

"Molto liberamente ispirato ad un celebre racconto di Edgar Allan Poe, il film è un impasto non riuscito di 'horror' fantastico, di parapsicologia, di demoniaco alla maniera de 'L'esorcista', e con gli ingredienti del 'giallo'. Il risultato di tanti apporti è deludente per colpa di uno sbagliato dosaggio degli effetti, distribuiti con scarso senso dei tempi, per le molte incongruenze del racconto, che manca di chiarezza e di logica così da riuscire confuso e non convincente". ('Segnalazioni cinematografiche', vol. 91, 1981)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy