Beverly Hills Cop II - Un piedipiatti a Beverly Hills II

Beverly Hills Cop II

USA - 1987
Beverly Hills Cop II - Un piedipiatti a Beverly Hills II
Alex Foley, un poliziotto afroamericano di Detroit, noto per la sua simpatia ed efficienza, conta nella polizia californiana tre ottimi amici: Billy Rosewood, John Taggart e Andrew Bogomil. Un giorno uno di questi, impegnato in una delicata e pericolosa indagine su gente di malaffare, viene gravemente ferito da una seducente dama in nero. Axel si trasferisce, all'insaputa del suo diretto capo, a Beverly Hills per scoprire i motivi dell'aggressione subita dall'amico. Tutto parte da un messaggio anonimo, composto da lettere dell'alfabeto ritagliate da quotidiani e arrivato alla polizia giusto dopo la rapina ad una banca. Per decifrarlo, Axel e gli altri due colleghi amici suoi, malgrado la palese ostilità del loro superiore, indagano su alcune estorsioni seguendo le tracce di Karla Fry, condirettrice di un Club molto riservato, dove ufficialmente si pratica il tiro a segno, ma dietro le quinte si organizzano fruttuose e spericolate rapine. E' dalla prima di esse che viene il bossolo del proiettile impiegato per l'aggressione a Rosewood, Axel pensa a tutte le ipotesi possibili e finalmente scopre che il denaro rapinato serviva per acquistare armi micidiali, da inviare con enorme lucro in Centro America, sotto la guida di Maxwell Dent, un boss che dispone di Karla e di altri accoliti...
  • Altri titoli:
    Un piedipiatti a Beverly Hills II
  • Durata: 100'
  • Colore: C
  • Genere: AZIONE, COMMEDIA
  • Specifiche tecniche: SCOPE
  • Tratto da: basato sui personaggi ideati da Danilo Bach e Daniel Petrie jr.
  • Produzione: EDDIE MURPHY PRODUCTIONS, PARAMOUNT PICTURES
  • Distribuzione: UIP (1987) - DVD PARAMOUNT (2002)

NOTE

- IL FILM E' STATO CAMPIONE D'INCASSI NEGLI STATI UNITI NEL 1987.

CRITICA

"Una "seconda puntata" come tante, molto meno divertente dell'originale, diretta da Scott con il suo inconfondibile stile "videoclip"." (Magazine tv).

"Martin Brest, buon regista della prima"puntata" è stato sostituito da Tony Scott, ma il cambio è stato assai svantaggioso: la storia è ridicola e non sta in piedi, la regia è sciatta e abbonda di inutili volgarità. Peccato." (Laura e Morando Morandini, Telesette)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy