Between Us

USA - 2016
2/5
Between Us
Le vicende di Henry e Dianne, una coppia felice di trentenni che vive a Los Angeles. Lui è un filmmaker che deve dare seguito a un promettente esordio; lei giovane donna in carriera. Durante un pranzo in famiglia, il suggerimento sulla necessità di cercare una casa più bella, in un sobborgo residenziale, è solo l'inizio di un nuovo "corso". Dalla casa al matrimonio il passo è breve. E proprio nel gran giorno, quando tornano a casa dal Municipio, soli e perplessi, scoppia un litigio...
  • Durata: 93'
  • Colore: C
  • Genere: COMMEDIA, DRAMMATICO
  • Specifiche tecniche: DCP
  • Produzione: CAVIAR, NORA FILMS , IN ASSOCIAZIONE CON BARRY FILMS

RECENSIONE

di Federico Pontiggia

Ma non l’avevamo già visto? E dove l’avevamo già visto? Un po’ ovunque, nel cinema indie americano, e senza scomodare la lezione cassavetiana basti pensare a (500) giorni insieme o Quel fantastico peggior anno della mia vita. Purtroppo, nonostante la contiguità tematica e poetica, siamo ben lontani: Between Us di Rafael Palacio Illingworth è un cattivo déjà vu, che trita e ritrita topoi e stilemi del dramedy sentimentale non allineato con dabbenaggine e, nonostante i 30enni protagonisti, vecchiume.

Soprattutto, la collocazione quale film d’apertura del 34° Torino Film Festival non ha giovato: perché, domanda che serpeggiava al Lingotto, non optare per Sully di Clint Eastwood? Tant’è, l’opera seconda di Illingworth, presentata ad aprile 2016 al Tribeca, scontenterebbe ancor più se non potesse contare su attori ispirati e indovinati, a partire dalla coppia protagonista formata da Olivia Thirlby e Ben Feldman, ben supportati da Analeigh Tipton, Alison Sudol, Adam Goldberg.

Lui filmaker in erba, lei rampante organizzatrice di eventi convivono a L.A.: tutto bene, finché la prospettiva di comprare un appartamento fighetto non li porterà prima a sposarsi e, poi, a perdersi, almeno un po’. Sul piatto – non ricchissimo nemmeno sotto il profilo stilistico: sms e foto scambiate via whatsapp a tutto schermo non aiutano… – la paura di diventare adulti nelle ricadute relazionali, ovvero i pericoli insiti nella certificazione sociale dell’amore, Between Us non aggiunge nulla all’enciclopedia di questo sottogenere, né ha il coraggio di prendersi sul serio, di provare a innovare.

Si leggerebbe sul suo biglietto da visita “Sono uno dei tanti, uno come tanti”, e il titolo già stra-utilizzato ne è sintomo scoperto: e la famosa industria di prototipi?

NOTE

- FILM D'APERTURA AL 34. TORINO FILM FESTIVAL (SEZIONE 'FESTA MOBILE').

CRITICA

"Si può comprendere che il Tff abbia deciso di inaugurare la 34a edizione con un'opera seconda a basso budget e interpretata da attori poco noti come 'Between Us': è una scelta coerente con la natura di un festival che della scoperta del cinema emarginato, sperimentale, nuovo e giovane ha da sempre fatto la sua bandiera, promuovendolo anche sul piano produttivo, con risultati importanti. E tuttavia, pur apprezzabile per la naturalezza di tono con cui documenta la crisi fra due trentenni di Los Angeles subito dopo aver pronunciato il fatidico si, il film di Rafael Palacio Illingworth si è dimostrato un po' deboluccio. (...) la regia non è abbastanza forte, l'ironia poco tagliente e il dramma resta in superficie, cosicché la nostra attenzione va e viene blandamente." (Alessandra Levantesi Kezich, 'La Stampa', 20 novembre 2016)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy