Berlin Calling

GERMANIA - 2008
4/5
Berlin Calling
Martin Karow, compositore tedesco di musica elettronica, è celebre nelle discoteche come DJ Ickarus. Insieme alla compagna Mathilde, che è anche la sua manager, Martin gira il mondo e sta per pubblicare il suo nuovo album, ma la sua scalata al successo viene bruscamente interrotta quando viene ricoverato in una clinica psichiatrica a causa dell'abuso di droghe. Si ritroverà così a dover lottare per il suo amore e per il suo disco, ma soprattutto per la vita.
  • Durata: 105'
  • Colore: C
  • Genere: COMMEDIA, DRAMMATICO
  • Specifiche tecniche: 35 MM (1:1.85)
  • Produzione: KARSTEN AURICH E HANNES STOEHR PER SABOTAGE FILMS, STOEHRFILM PRODUCTION, WDR, ARTE
  • Distribuzione: OFFICINE UBU (2009)
  • Data uscita 6 Novembre 2009

RECENSIONE

di Federico Pontiggia

Droga, musica e… Berlino. Dopo i festival di Locarno, Amburgo e Berlinale, arriva in sala con Officine Ubu Berlin Calling diretto da Hannes Stoehr, con protagonista il dj di fama internazionale Paul Kalkbrenner nei panni del disc jockey Ickarus, con una grande passione per la musica elettro-techno e una pericolosa dipendenza dalle droghe.
Il binomio stupefacente musica e sostanze, tutto genio e sregolatezza, non è eufemisticamente nuovo al cinema, tuttavia Stoehr, regista e sceneggiatore, fa qualcosa per rinverdirlo, puntando tutto sul minimalismo: poco intrusive le musiche, molto belle, di Kalkbrenner (solo un pezzo non è suo, ma di Sascha Funke); ottima l’interpretazione del protagonista, in delicato e affascinante bilico tra finzione e realtà; ambiguo l’epilogo, a metà strada, dopo il rehab, tra rinascita personale e ritorno alla routine dei globetrotter del sound contemporaneo, che alle chitarre delle rockstar di una volta rispondono oggi con cuffie e computer portatile.
Nel mezzo, trip cattivi, sudorazioni monstre e schizofrenie da paura, gli incontri sporadici con il padre pastore-organista e il fratello bravo ragazzo, il tira e molla con la compagna-manager Mathilde – con parentesi aperta lui, lei e l’altra (di lei) – e, infine, il parto del nuovo disco: Berlin Calling, appunto, con Ickarus che troneggia in copertina con camice da paziente psichiatrico e palloni da riabilitazione. Rimane, dunque, un (a)tipico junkie al tappeto: quello sonoro della scena techno berlinese, e non solo, che il film indaga nelle sue creature per antonomasia (pusher, agenti e neo-groupie), nei suoi eccessi (MDA, MDMA, cocaina, e vai assumendo, ma senza troppa enfasi) e nella sua libertà creativa, con qualche sprazzo di autentica felicità, anche per lo spettatore. Check this sound!

NOTE

- LOCATIONS: 'MARIA AM OSTBAHNHOF' E 'BAR 25', BERLINO; 'WELCOME TO THE FUTURE FESTIVAL', AMSTERDAM; 'HYPNOTIK AT DOUBLE MIXTE CONCERT HALL', LIONE.

- PRESENTATO IN PIAZZA GRANDE AL 61° FESTIVAL DI LOCARNO (2008).

CRITICA

"Una volta era 'London Calling', come cantavano i Clash sulla spinta del loro punk. Oggi dovrebbe essere Berlin calling... ma sulla spinta di cosa? Il regista Stohr inventa una ballata con la presunzione di stabilire un centro, Berlino, e una nuova scena artistica. Ma quale?" (Dario Zonta, 'L'Unità', 13 novembre 2009)

"Troppo indulgente. La musica è bella. Per chi ama un suono sintetico non brutale dall'insospettabile melodia." (Francesco Alò, 'Il Messaggero', 13 novembre 2009)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy