Bella

USA, MESSICO - 2006
3/5
Bella
José e Nina. Due esistenze solitarie a New York. José era una promessa del calcio, ma ha dovuto rinunciare al suo sogno ed ora è capo chef nel ristorante di suo fratello Manny. Nina lavora come cameriera nello stesso ristorante. Vive sola ed è in attesa di un figlio. Quando la ragazza viene licenziata, José cercherà di aiutarla e prendersi cura di lei sarà per lui un incoraggiamento a dare un nuovo senso alla sua vita.
  • Durata: 91'
  • Colore: C
  • Genere: DRAMMATICO, ROMANTICO
  • Specifiche tecniche: 35 MM (1:1.85) - TECHNICOLOR
  • Produzione: ALEJANDRO GOMEZ MONTEVERDE, JASON JONES, DENISE PINCKLEY, LEO SEVERINO, EDUARDO VERÁSTEGUI, SEAN WOLFINGTON PER THE ONE MEDIA, METANOIA FILMS, BELLA PRODUCTION, BURNSIDE ENTERTAINMENT, MPOWER PICTURES
  • Distribuzione: MICROCINEMA IN COLLABORAZIONE CON ACEC
  • Data uscita 26 Gennaio 2010

RECENSIONE

di Federico Pontiggia

Comunque… Bella. Parliamo dell’opera prima del messicano Alejandro Monte Verde, girata con budget risicato in 24 giorni nella Grande Mela. Protagonista è la star Eduardo Verastegui, “il Brad Pitt messicano”, nei panni dello chef José, con un promettente passato da calciatore troncato nel sangue, quello della bambina che ha investito in auto. Ma l’occasione per riscattarsi è dietro l’angolo, anzi dietro un tavolo: la cameriera Nina viene licenzita per un banale ritardo, e Josè la vuole aiutare. La segue e scopre che la donna, sola al mondo, è incinta: come potrà tenere il bambino? 
Vincitore del premio del pubblico a Toronto e ora nelle nostre sale distribuito da Acec e Microcinema, Bella non è film per palati fini, ma misericordiosi: sguardo naif, povertà non esibita ma palese, e tante “buone intenzioni” (il messaggio antiabortista) a lastricare una strada che non sarà difficile percorrere.
A patto di vederlo con gli occhi del cuore, nella volontà comune a regista e attore di “restituire fedeltà ai latini, eroi del quotidiano e pronti a sacrificarsi per la famiglia”.

CRITICA

"Il percorso narrativo, che alterna amarezze e slanci di solidarietà verso l'altro, sa mantenersi lineare e semplice, pur affrontando un argomento così vigoroso. Con caparbietà e senza fare proclami, il film si pone dalla parte di chi riconosce il valore della vita, attraverso un cammino di ricostruzione identitaria, nel quale entrano in gioco le importanti presenze dei genitori, di un figlio naturale e di un figlio adottivo, di una famiglia che esprime comprensione e infonde fiducia. Rivolto non a far passare soluzioni già pronte ma a stimolare la riflessione dello spettatore, il film si apre a una realizzazione visiva fortemente lirica e non priva di accenti commossi. Il regista messicano Alejandro Monteverde e l'attore Edoardo Verastegui (il protagonista nel ruolo di Josè) hanno condiviso l'urgenza di condensare in una storia di 'finzione' tutti i risvolti tristi e problematici che si agitano rispetto al tema della vita nelle pieghe della nostra disordinata quotidianità: la fuga del genitore, la paura di perdere il lavoro, la solitudine. Difficoltà grandi, che spesso inducono al pessimismo e che invece il film cerca di rovesciare, lanciando un preciso segnale di speranza. Riuscito a farsi largo nei ridotti spazi della distribuzione italiana, 'Bella' rappresenta l'occasione per verificare la sensibilità di un cinema che, pur non disponendo di grandi nomi e di elementi di richiamo immediato, punta molto sulla intensità dei contenuti e insieme non rinuncia a uno stile scorrevole, rispettoso delle attese del pubblico." (Massimo Giraldi, 'Avvenire Roma Sette', 24 gennaio 2010)

"Profondo e toccante, 'Bella' nasce dall'urgenza, condivisa dal regista e dall'attore Eduardo Verastegui, di mostrare sotto una luce positiva la vera cultura latina. Si tratta di un film indipendente messicano, vincitore di numerosi premi, primo fra tutti, il People's Choice Awerd al Toronto Film Festival, a riscosso un'tale successo di botteghino da diventare un caso distributivo negli Usa." (Gaia Passerini, 'Cronaca Qui', 22 gennaio 2010)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy