Batman & Robin

USA, GRAN BRETAGNA - 1997
Batman & Robin
Nella futuribile città di Gotham City, Batman, affiancato da un Robin ormai cresciuto e più indipendente, è sempre pronto ad accorrere laddove si presentano situazioni di pericolo. Nella propria, spaziosissima abitazione, quando torna a casa la sera è accolto dal fedele e amatissimo Albert, uomo tuttofare sempre prodigo di consigli e che quasi di nascosto fa ad un certo momento entrare in casa la nipote Barbara. Da lei rimane subito colpito Robin, che infine riesce a farla partecipare alle loro imprese sotto la maschera della Batgirl. Intanto una minaccia incombe: il malvagio Mr. Freeze vuole distruggere la città se non verrà accolta la sua richiesta di mettere tutto ai suoi ordini. Le autorità si rivolgono a Batman, che subito si mette in azione. Tra i suoi avversari si inserisce anche Poison Ivy, che cerca di ingannare il giovane Robin per arrivare a far cadere in trappola Batman. Questi però, sempre muovendosi nella sua doppia identità dell'eroe e del tranquillo cittadino Bruce Wayne, miliardario dedito ad opere filantropiche, riesce, dopo molti affanni, a sconfiggere il malvagio Freeze e a ridare tranquillità a Gotham City.
  • Altri titoli:
    Batman 4
  • Durata: 130'
  • Colore: C
  • Genere: AZIONE, FANTASY
  • Specifiche tecniche: PANAVISION, 35MM (1:1.85)
  • Tratto da: personaggi di Bob Kane.
  • Produzione: P. MACGREGOR - SCOTT
  • Distribuzione: WARNER BROS - WARNER HOME VIDEO - DVD: WARNER HOME VIDEO (2005), BLU-RAY (2009)

NOTE

- REVISIONE MINISTERO LUGLIO 1997

- PER MR. FREEZE SONO STATI IDEATI BEN QUATTRO COSTUMI, REALIZZATI IN INGHILTERRA, DI CUI SOLAMENTE UNO COMPOSTO DA VENTI PARTI E PESANTE BEN 21 CHILOGRAMMI.

CRITICA

"Spettacolare e vuoto fumettone galattico, il quarto e se Dio vuole ultimo, episodio della serie, il più grandioso e fantasmagorico, ma anche il più confuso, noioso e kitsch. Se i costumisti meritano una medaglia, andrebbero radiati dall'albo gli autori, per l'abissale stupidità narrativa, e i maghi degli effetti speciali, per la nausea provocata dalle riprese impazzite. Gli occhialoni neri calati sul volto del bel George Clooney faranno singhiozzare le ammiratrici". (Massimo Bertarelli, 'Il Giornale', 30 gennaio 2001)

"Con 'Batman & Robin' Schumacher tenta il bis. (...) Ma l'autentica novità sono effetti molto ma molto speciali (grande uso di computer, immagini stroboscopiche e ingrandimenti digitali) e le surreali scenografie di Barbara Ling, ispirate all'art nouveau e allo stile dei costruttivisti russi. Scenografie che danno vita a un colossale videogadget, un sogno infantile dalle atmosfere gotiche e notturne che culmina in un gigantesco spettacolo pirotecnico immerso in un bagno di moderne tecnologie. A Hollywood trionfa l'età delle meraviglie". (Enzo Natta, 'Famiglia Cristiana', 1 ottobre 1997)

"E' vero che c'è qualcosa di formalmente sinistro che perturba anche l'assunzione dei rituali pop-corn, che è infine l'obiettivo complementare di ogni 'franchise' (si possono chiamare anche popcorn-movie). Ma se si accetta la sfida, sintonizzandosi col film, vien fuori una certa qualità estetica dell'operazione, che stavolta Schumacher, dopo la maldestra, tonitruante regia di 'Batman Forever', riesce a tenere in mano. La storia è soltanto un supporto convenzionale per costruire e poi di struggere una certa relazione tra lo spettatore e il set, tra il pubblico e l'audiovisione. C'è un potente effetto di sberleffo del kolossal su se stesso. È forse cinema neo-dadaista, o se preferite, questo è un film dadaista dell'era postmoderna in parte riuscito. Dopo Michael Keaton e Val Kilmer, George Clooney vorrebbe essere un Batman più fragile e ironico, strizzando l'occhio al suo pubblico televisivo. Non sappiamo che farcene, in un crio-film così. Meglio la maschera metallica di Schwarzy. Meglio il disegno floreale psichedelico di Uma Thurman". (Silvio Danese, 'Il Giorno', 29 agosto 1997)

"Stiracchiato a 130 minuti, sempre più zeppo di effetti speciali, poco conturbante sul piano dell'ambientazione gotico-fantastica, 'Batman & Robin' segnala la crisi di un cinema di derivazione fumettistica che raschia il fondo del barile triplicando i budget. (...) Come suggerisce il titolo, 'Batman & Robin' allarga il ruolo dello scalpitante aiutante-funambolo e introduce in famiglia la poco frequentata Batgirl, che nei fumetti era la figlia di Batwoman mentre qui ci viene presentata come la nipotina tutta pepe del vecchio maggiordomo all british. Ma la moltiplicazione dei personaggi non giova più di tanto al film, gonfio di trucchi e povero di idee". (Michele Anselmi, 'L'Unità', 10 settembre 1997)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy