Barbablù

ITALIA - 1941
Un nemico giurato delle donne è costretto dalle circostanze a tenere accanto a sé una ragazza fuggita da casa per sottrarsi all'ultimo momento a nozze non gradite. Come succede sempre in simili casi, dopo aver esaurito il solito repertorio di equivoci, accidenti e "battute" più o meno brillanti (non esclusa anche qualche volgarità), il film si conclude con l'unione dei due cuori che si sono scoperti casualmente gemelli.

CAST

NOTE

- IL FILM E' STATO GIRATO A TIRRENIA E, CONTEMPORANEAMENTE, NE E' STATA FATTA UNA VERSIONE TEDESCA INTERPRETATA DA VERA BERGMAN, HANS STUWE, GRETA GONDA E ANDRE' MATTONI.

- LUIGI SCARABELLO, DI PROFESSIONE CALCIATORE, NELLA VITA ERA IL MARITO DI LILIA SILVI.

CRITICA

"Se ne avessi l'autorità vorrei dare a Lilia Silvi un consiglio. Di non lasciarsi, cioè, incantare da chi è disposto a passargliele tutte lisce, in virtù della sua giovinezza e della sua indubbia bravura. (...) Con lei, nel nostro cinema, tornò a rivivere la monella, una monella che, se Dio vuole, aveva l'età giusta per le monellerie. (...) E parve un miracolo e fu certo una festa per tutti (...) Purtroppo da quel momento Lilia Silvi fu la monella in titolo del cinema italiano. (...) Specie dopo questo film non si può non avere avvertito il pericolo che ella corre. Di cadere nel manierato, nel falso (...). Già in 'Scampolo' s'era notato in lei l'attitudine, deplorevolissima, a strafare. Ma in 'Barbablù', bisogna convenirne, ella passa la misura. Restituendoci, alquanto sciupata e sotto forma, direi, di caricatura, la primitiva immagine che aveva se non altro il dono della freschezza (...)". (Adolfo Franci, "Illustrazione Italiana", n. 48, 30 novembre 1941)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy