Baciati dalla sfortuna

Just My Luck

USA - 2006
Baciati dalla sfortuna
Ashley Albright, dirigente di una prestigiosa società di pubbliche relazioni, vive a Manhattan ed ha fama di essere molto fortunata. E la buona sorte ha per lei ancora qualcosa in programma: se riuscirà ad organizzare un ballo in maschera per il celebre discografico Damon Phillips, il suo avanzamento professionale sarà assicurato. Jake, invece, è un ragazzo veramente sfortunato ma che non si fa distruggere i propri sogni dalla malasorte. Addetto alle pulizie in una pista di bowling, spera un giorno di raggiungere il successo grazie alla band musicale dei McFly, magari riuscendo a far arrivare il cd del gruppo al discografico Phillips durante la festa in maschera. Ed è proprio durante il party che Ashley e Jake si incontrano ma, galeotto un bacio, i loro destini si scambiano e tutta la buona sorte di lei passa a lui. Dopo l'iniziale sconforto, Ashley si rende conto che non serve essere troppo fortunati per essere veramente felici...
  • Altri titoli:
    Lady Luck
    Lucky
  • Durata: 103'
  • Colore: C
  • Genere: COMMEDIA, ROMANTICO
  • Specifiche tecniche: 35 MM (1:1.85), PANAVISION - DE LUXE
  • Produzione: NEW REGENCY PICTURES, CHEYENNE ENTERPRISES
  • Distribuzione: 20TH CENTURY FOX ITALIA
  • Data uscita 7 Luglio 2006

RECENSIONE

di Diego Giuliani

Cenerentola al contrario per teen-ager Usa. Il regista Donald Petrie mischia le carte e firma una rilettura moderna senza troppa fantasia né sussulti. Irriconoscibile protagonista, rispetto alla dolente Lola Johnson di Radio America, è una Lindsay Lohan che sembra tornare alle origini. La “teen-queen” di Quel pazzo venerdì e Genitori in trappola è soltanto cresciuta: non più adolescente scapestrata, interpreta questa volta una rampante Re Mida della comunicazione newyorchese Qualsiasi cosa le accada, dal lavoro alla vita privata, è destinata al travolgente successo. Nella stessa città, più vicino di quanto lei immagini, si aggira un ragazzo perseguitato da un destino opposto e dal nome di Chris Pine. Minimo lo sforzo in sceneggiatura per valorizzare premesse di per sé non proprio originalissime: di cliché in cliché (la banconota che si attacca alla scarpa di lei, l’immancabile pozzanghera che investe lui al passaggio di un auto…) si approda al più scontato degli incontri. Apice di imprevedibilità è la sterzata romantica che intreccia i loro destini: prima che i due si perdano nuovamente di vista, come in una fiaba sarà un bacio rubato a una festa in maschera a trasformare il rospo in principe azzurro (e a condannare però lei alla sfortuna più nera). Precipitata dalla bambagia alla miseria in un battibaleno, la ragazza dovrà quindi ingegnarsi per riconquistare la dea bendata e riappropriarsi del suo destino.Indovinate come?

CRITICA

"Un' insopportabile pierre newyorchese Lindsay Lohan, bimba prodigio assunta da Altman in 'Radio America', si trova qui insopportabile pierre newyorchese che dice mille volte 'Oh mio Dio!'. Fortunatissima, passa il dono con un bacio in bocca al principino azzurro Chris Pine, manager sfigatissimo rock. Il destino muta ad ogni schioccar di lingua e purtroppo il regista Daniel Petrie si sente in dovere di esemplificare tutte le variazioni della mala sorte (allagamenti, taxi, cadute) in un film romantico, melenso e macchinoso, tutto prevedibile e con una battuta buona spersa in 105 minuti di banalità spot." (Maurizio Porro, 'Corriere della Sera', 7 luglio 2006)

"A livello drammaturgico di una classica storia con Donald Duck, il soggetto innesca una serie di varianti sullo stesso tema; a volte divertenti, altre volte un po' ripetitive, però mai sotto il livello minimo del senso del pudore comico. (...) Commedia degli equivoci esile esile, ma non sgraziata, Baciati dalla sfortuna è uno dei (rari) film innocenti da consigliare senza scrupoli al pubblico minorenne." (Roberto Nepoti, "la Repubblica", 14 luglio 2006)
(r. n.)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy