Baby Boom

USA - 1987
Baby Boom
Efficientissima, direttiva, intelligente, J.C. Wiatt lavora settanta ore alla settimana in una importante società di New York. lmprovvisamente, come unica parente di un lontano cugino morto in un incidente, le viene affidata una bambina di poco più di un anno, Elizabeth, mollata nelle sue braccia da una sbrigativa assistente sociale. Allo sgomento di J.C. si aggiunge quello di un suo collega, con il quale ogni tanto - tra memorandum e programmi di lavoro - si concede qualche rapidissimo svago. Comincia ora una vita dura e affannosa, tra pannolini, biberon e gli assillanti problemi quotidiani in ufficio: la donna tenta di passare Elizabeth in affidamento ad una coppia di provinciali, ma i due candidati non le ispirano alcuna fiducia; con le varie baby sitter le cose non procedono al meglio; inoltre un giovanissimo suo collaboratore tanto è entrato nelle grazie dei capi da scavalcarla nella carriera. La società propone a J.C. di passare ad un settore più tranquillo (e meno brillante), dato che rendimento ed orari non sono più quelli di una volta. Ma lei decide di lasciare il lavoro e l'amico (ormai insofferente della bambina), di comprare una villetta con giardino e frutteto nel Vermont e di tenersi definitivamente l'adorabile bambina. Il ritorno alla natura di per sé tonificante ha però anche i suoi svantaggi per lei abituata ad una vita frenetica, piena di contatti e iniziative. In piena crisi per una caduta viene aiutata da Jeff Cooper, un simpatico veterinario del quale diviene presto amica. Intanto il frutteto comincia a rendere bene e, dopo aver fatto marmellate per la piccola e per qualche signora dei dintorni, ecco la grande idea: J.C. mette su la "Country Baby", una solida impresa di alimenti genuini destinati all'infanzia che presto vengono venduti nel Vermont e in altri Stati. Dato questo successo, arriva alla intraprendente donna l'offerta della sua ex-ditta: rilevamento della piccola azienda, condizioni eccezionali ed allettanti per J.C. (convocata a New York e da tutti rivista con piacere) ed enormi percentuali sui futuri guadagni. Ma J.C. Wiatt dice di no, lasciando tutti allibiti: ora che ha la sua azienda, la sua casa e quella deliziosa bambina, è lieta di tornarsene nel Vermont, tanto più che là c'è quel bravo e paziente veterinario, che le piace tantissimo.
  • Durata: 101'
  • Colore: C
  • Genere: COMMEDIA
  • Specifiche tecniche: PANAFLEX
  • Produzione: BRUCE A. BLOCK, NANCY MEYERS E CHARLES SHYER PER MEYERS/SHYER, MGM, UNITED ARTISTS
  • Distribuzione: UIP (1988) - MGM HOME ENTERTAINMENT (MINI SCUDI)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy