Austin Powers la spia che ci provava

Austin Powers: The Spy Who Shagged Me

USA - 1999
Austin Powers la spia che ci provava
Il dottor Male, malefico e cinico potente con ambizioni di dominio sul mondo, vuole vendicarsi di Austin Powers. Così, grazie alla macchina del tempo, torna nel 1969. Il suo obiettivo è quello di sottrarre a Austin il segreto della sua invincibilità: si tratta di un liquido magico chiamato 'mai più moscion'. Incalzato dalla modella Pompilova, Austin si vede sottrarre il suo portafortuna e subito decide di tornare nel 1969 per riprendersi il maltolto. Intanto Male minaccia di distruggere Washington e le altre capitali con il laserone, se le sue richieste non saranno esaudite. Austin e l'agente Felicity arrivano sull'isola del dr. Male, dove vengono arrestati. Austin allora si trova di fronte all'alternativa se salvare il mondo o Felicity. Con un'improvvisa mossa nel tempo, si materializzano due Austin Powers. La stazione di Male si autodistrugge, e si torna al 1999. Ma, ancora dal 1969, il dottor Male dice che non è finita.
  • Durata: 95'
  • Colore: C
  • Genere: COMICO
  • Produzione: SUZANNE TODD, JENNIFER TODD, DEMI MOORE, ERIC MCLEOD, JOHN LYONS, MIKE MYERS PER ERIC'S BOY - MOVING PICTURES - TEAM TODD
  • Distribuzione: MEDUSA FILM (1999) - MEDUSA HOME VIDEO

NOTE

- NOMINATION ALL'OSCAR 2000 PER IL MIGLIOR TRUCCO (DI MICHEL BURKE E MIKE SMITHSON)

CRITICA

"(...) Il risultato è cosi' cosi', non tanto per la goliardica volgarità dell'insieme, quanto perché - come spesso capita nelle parodie demenziali di successo - le trovate più sofisticate si perdono nell'ammucchiata delle citazioni".
(Michele Anselmi "l'Unità", 26 settembre 1999)

"Il film è una sorta di puzzle fatto di scenette, guest star assortite, intermezzi musicali e molte citazioni che spaziano dal 'Grande dittatore' a 'Star Wars'. Mike Myers impersona, con l'aiuto di ottimi make up e un trasformismo alla Peter Sellers, i caratteri di Austin, del dr. Male e di un corpulento sicario scozzese soprannominato Ciccio Bastardo. Molto riuscito il personaggio del 'Mini-me' e innegabilmente esilarante la sequenza in tenda delle ombre cinesi". (Marcello Garofalo, 'Segnocinema', settembre/ottobre 2000)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy