Aurora sul mare

ITALIA - 1934
L'assassino che ha ucciso nel 1922 una camicia nera, si salva oltre i confini d'Italia lasciando in miseria la sua famiglia e quella della vittima. Il figlio del fascista, cui muore anche la mamma, viene raccolto ed educato tra i marinaretti balilla. Dodici anni dopo il reato l'assassino, che non è riuscito a trovare né pane né pace, rimpatria clandestinamente gettandosi a mare a poca distanza dalla costa italiana. Mentre sta per annegare viene salvato dal figlio della sua vittima e da altri marinaretti accorsi. Decorato con medaglia al valore per il suo atto di eroismo, il piccolo balilla che viene a sapere chi ha salvato non sa perdonare e accetta quel segno d'onore come monito a non dimenticare. L'assassino che non sa né può riabilitarsi continua il suo triste vagabondaggio.

CAST

NOTE

- DIRETTORE DI PRODUZIONE: GIULIO MANENTI.

- COLLABORATORE ALLA REGIA: MARIO CORTESI.

- FILM CHE NON VENNE BOCCIATO DALLA DIREZIONE GENERALE PER LA CINEMATOGRAFIA, COME QUALCUNO HA SCRITTO, MA CHE EBBE INVECE SCARSA DIFFUSIONE TANTO DA ESSERE PROIETTATO IN UNA QUASI SEMI-CLANDESTINITA' PER POI SCOMPARIRE.
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy