Annabelle 3

USA - 2019
2,5/5
Annabelle 3
I demonologi Ed e Lorraine Warren portano la bambola posseduta nella stanza dei manufatti chiusa a chiave della loro casa, mettendola "al sicuro" dietro un vetro consacrato e ottenendo la santa benedizione di un sacerdote. Ma li attende una spietata notte di orrore, quando Annabelle risveglia gli spiriti maligni nella stanza, pronti a mettere gli occhi su un nuovo bersaglio: Judy, la figlia di dieci anni dei Warren, e le sue amiche.
  • Altri titoli:
    Annabelle Comes Home
  • Colore: C
  • Genere: HORROR
  • Produzione: PETER SAFRAN
  • Distribuzione: WARNER BROS. PICTURES.
  • Data uscita 3 Luglio 2019

TRAILER

RECENSIONE

di Andrea Giovalè
Annabelle 3 (Annabelle comes home in originale) è un horror assolutamente canonico, nel bene e nel male. Puntuale, consegna ciò che promette: un paio d’ore in una sala buia a chiedersi quando arriverà il prossimo spavento. Gioca con cliché e stereotipi senza preoccuparsi troppo di variare e trova un suo equilibrio nell’atmosfera da royal rumble demoniaca, scatenata dal potere della bambola.

Allo stesso tempo, però, il pubblico più smaliziato e (potenzialmente) esigente non trova granché di cui stupirsi. Eppure, ed è un gran pregio, Annabelle 3 è onesto a tal punto che, in più di un frangente, non si prende troppo sul serio e ironizza sulle sue stesse meccaniche, vetuste ma ben oliate.

Tra l’altro, considerato l’universo horror cui appartiene, quello di The Conjuring, è divertente constatare come i vari film rimandino ormai l’uno all’altro, in modo meno invadente ma non diverso, nel principio, da quanto fatto dagli altri celebri universi narrativi al cinema.

Siamo di fronte a un calderone di tanti, forse troppi demoni diversi, che potrebbero un domani avere una pellicola standalone ciascuno. Magari usando questo film come screen test improprio.

annabelle

In ogni caso, l’ambientazione diventa prevedibilmente “casa” di scontri separati e paralleli. La squadra di co-protagonisti, senza infamia e senza lode, si divide antagonisti e oggetti posseduti, riunendosi soltanto sul finale.

Ciò garantisce una narrazione molto dinamica, ma fallisce nello spaventare a fondo. Un piatto pieno di sapori, senza un solido punto di ancoraggio. Situazione tipica, in effetti, di quando uno sceneggiatore, in questo caso Gary Dauberman, viene promosso alla regia. È successo lo stesso anche con Simon Kinberg e X-Men: Dark Phoenix.

Un peccato, perché questa Civil War dell’horror-verse, con una punta di ironia, poteva costituire ben altra palestra rispetto alla visione, godibile ma poco incisiva, che rappresenta allo stato attuale. La bambola, comunque, inanella un’altra performance convincente.

NOTE

- PRODUTTORI ESECUTIVI SONO RICHARD BRENER, DAVE NEUSTADTER, VICTORIA PALMERI, MICHAEL CLEAR, MICHELLE MORRISSEY E JUDSON SCOTT.

CRITICA

"(...) Arriva sui nostri schermi a pochi giorni da 'La bambola assassina' questo horror di casa stregata, concentrato in unità di spazio e che si rivela piuttosto generoso di brividi e colpi di scena. Non che rinnovi il genere: però instaura una tensione continua senza eccedere in effettacci e musiche sparate a mille decibel." (Roberto Nepoti, 'La Repubblica', 4 luglio 2019)

"(...) Morale. Morti finti, rumori improvvisi, mostri minacciosi e le immancabili porte che sbattono. Più che aver paura, la sfida è ai timpani. (...) Alla fine c'è da domandarsi dove si deve aver paura." (SteG), 'Il Giornale', 4 luglio 2019)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy