Amori in città...e tradimenti in campagna

Town & Country

USA - 2001
Amori in città...e tradimenti in campagna
Porter ed Ellie Stoddard, una coppia benestante e di successo, dopo aver festeggiato i venticinque anni di matrimonio a Parigi insieme ai loro migliori amici Mona e Griffin, si rendono conto che nella loro unione qualcosa non funziona. Il giorno in cui, poi, è Mona a sorprendere suo marito in un motel con l'amante, inizia una catena di avvenimenti che mettono in discussione per ognuno dei protagonisti il significato dell'amore e del matrimonio.
  • Durata: 104'
  • Colore: C
  • Genere: COMMEDIA
  • Specifiche tecniche: 35 MM. DOLBY DIGITAL
  • Produzione: NEW LINE CINEMA - LONGFELLOW PICTURES - FR PRODUCTION - SIDNEY KIMMEL ENTERTAINMENT - SIMON FIELDS PRODUCTIONS
  • Distribuzione: NEXO
  • Data uscita 25 Maggio 2001

CRITICA

"Variante ennesima e ciclica della commedia sofisticata americana in cui un marito fedele, al limite ormonale d'età, scopre la tentazione della giovinezza, aggiornata ai tempi: anche la moglie, come donna in quanto donna, scopre dalle amiche il tradimento. (...) È soltanto il cast che riesce a mandare in porto le due orette di battute sulla vita coniugale, che alla fine, come vuole tradizione cinematografica, vince sopra ogni adulterio. Goldie Hawn, nei panni dell'amica tentatrice, vale il biglietto. Quasi potabile.." (Silvio Danese, 'Il giorno', 25 maggio 2001)

"Una volta si chiamava sex comedy e pareva che Woody Allen fosse l'ultimo ancora interessato a praticarla. Qui ci prova Peter Chelsom, a metà fra 'Storie di amori e infedeltà', e 'Il club delle prime mogli', ma con risultati piuttosto desolanti. Ha un bello scomodare Woody e la poesia di Walt Whitman: non fa né sorridere né pensare. Però la cosa peggiore è il cast, o meglio quel che sono diventati attori che abbiamo amato molto in passato. Warren Beatty ha l'aria bollita e fa il buffone cadendo dai tetti; Diane Keaton è diventata la parodia di se stessa: l'ex spiritosissima Goldie Hawn sembra la caricatura della bambola Barbie a cinquant'anni. E il vecchio Charlton Heston si presta a un (realistico) cammeo di reazionario rimbambito". (Roberto Nepoti, 'la Repubblica', 3 giugno 2001).

"Tra Woody Allen e Paul Mazursky, 'Amori in città ... tradimenti in campagna' è la tipica slapstick comedy sull'adulterio radical chic delle classi medie, diretta dall'inglese Peter Chelsom con uno stile un po' sciupato e ammuffito, quasi una sfilata di 'vecchie glorie' più affettata che affiatata, Beatty si ritrova accanto partners dei bei tempi andati, ma il ruggito del leone spetta di diritto a Charlton Heston, 78 anni, nell'autoironico ruolo d'un patriarca reazionario tutto d'un pezzo, ex sportivo e impotente". (Fabio Bo, 'Il Messaggero', 25 maggio 2001)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy