Amorfù

ITALIA - 2003
Amorfù
Elena è una specializzanda in psichiatria che vive la sua professione con trasporto. Nella casa di cura per malati di mente in cui lavora è attratta da Fausto, un'anima inquieta che lei pensa di poter recuperare con la forza dell'amicizia. Ma tra loro si stabilisce un legame ben più forte, un 'amour fou', in cui i ruoli si ribaltano ed è Elena a liberare la parte di follia che è in lei, come in ciascuno di noi.
  • Durata: 100'
  • Colore: C
  • Genere: SENTIMENTALE
  • Produzione: GAETANO RENDA PER KITCHEN FILM
  • Distribuzione: KEY FILMS - K3
  • Data uscita 26 Settembre 2003

NOTE

- REALIZZATO CON IL CONTRIBUTO DEL MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITA' CULTURALI.

CRITICA

"Fortemente giocato su suggestioni colte (la musica in primis), con un utilizzo troppo dicotomico della macchina da presa, 'Amorfù' racconta una coinvolgente storia d'amore cui prestano i propri corpi due affermati attori della nuova generazione: la sempre più convincente Sonia Bergamasco e l'apprezzato Ignazio Oliva. Sui due veglia un misurato Luigi Diberti, nel ruolo del professore, che cela perfettamente e con sottile indolenza un amore inespresso. Se quello fra i due protagonisti è amour fou, il suo è fu amore". (Pedro Armocida, 'Il Giornale', 26 settembre 2003)

"Pianista diplomata al conservatorio (ne 'La meglio gioventù' suonava davvero), Sonia Bergamasco moglie di Fabrizio Gifuni, può essere una dolce fatina e poi, in un attimo, ucciderti a mani nude. Nessun film, nemmeno 'Amorfù' di Emanuela Piovano, le ha reso ancora giustizia. Sarebbe stata uno splendido elfo ne 'Il Signore degli Anelli'". (Francesco Alò, 'Il Messaggero', 26 settembre 2003)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy