Alla ricerca di Jane

Austenland

USA, GRAN BRETAGNA - 2013
Alla ricerca di Jane
Jane Hayes è una single trentenne apparentemente normale. La sua vita sentimentale è però guastata da una segreta ossessione per il personaggio di Mr. Darcy interpretato da Colin Firth nell'adattamento televisivo della BBC del romanzo di Jane Austen "Orgoglio e pregiudizio". Nessun uomo reale è paragonabile a lui. Ma nel momento in cui decide di recarsi in un resort inglese dedicato alle donne appassionate di Jane Austen, scopre che le sue fantasie di incontrare il perfetto gentiluomo ottocentesco possono improvvisamente diventare molto più concrete di quanto abbia mai potuto immaginare.
  • Durata: 97'
  • Colore: C
  • Genere: COMMEDIA, ROMANTICO
  • Specifiche tecniche: ARRIFLEX, 35 MM (1:2.35)
  • Tratto da: romanzo "Austenland" di Shannon Hale
  • Produzione: STEPHENIE MEYER E GINA MINGACCI PER FICKLE FISH FILMS, MOXIE PICTURES
  • Distribuzione: WARNER BROS. PICTURES ITALIA
  • Data uscita 21 Novembre 2013

TRAILER

CRITICA

"(...) un film che parla della patologia letteraria al femminile per Jane Austin. Prodotta dalla furba Stephenie Meyer di 'Twilight', la commedia, poco aiutata dalla sceneggiatura, presume che una single carente di affetto compri un costoso tour in costume nella Austenland per un incontro ravvicinato col mondo di 'Emma' e 'Orgoglio e pregiudizio'. Ammesso sia bello, il gioco dura poco, esce di strada in tranelli coatti romantici, col cast elegantemente inespressivo, perdendo humour, unica via possibile." (Maurizio Porro, 'Corriere della Sera', 21 novembre 2013)

"Inconsistente (...) la commedia romantica 'Alla ricerca di Jane' di Jerusha Hess ambientato ad Austenland, una sorta di parco a tema per adulti dedicato al mondo di Jane Austen e rifugio turistico per tutte le fan della scrittrice. Ma tra pizzi, merletti, porcellane e galateo la commedia diventa farsa ed è impossibile appassionarsi ai personaggi e alle loro stucchevoli avventure sentimentali." (Alessandra De Luca, 'Avvenire', 21 novembre 2013)

"Spiacerà per gli stessi motivi per cui dovrebbe piacere. Il film è stato infatti lanciato come un «pastiche» di 'Bridget Jones' e di 'Orgoglio e pregiudizio'. Più che un pastiche, un pasticcio. Jane Hayes non ha certo la simpatia di Bridget (né Keri Russell quella di Rende Zellweger). E in più l'Austenland è un posto abbastanza noioso, popolato di fasulli (e non solo perché lavorano sotto mentite spoglie)." (Giorgio Carbone, 'Libero', 21 novembre 2013)

"Frivola, sciapa e irritante commedia di irriconoscibile stoffa inglese. Si riuniscono nella villa di campagna i fan di Jane Austen. Si recita, si legge, si conversa, quasi sempre con i bei costumi d'epoca, e c'è l'assoluto divieto di flirtare. E chissenefrega. Un'ora e mezzo che scivola via senza lasciare traccia, fuorché nelle mandibole, costrette a un superlavoro da sbadiglio." (Massimo Bertarelli, 'Il Giornale', 21 novembre 2013)
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy