All'onorevole piacciono le donne - Nonostante le apparenze... e purché la nazione non lo sappia

ITALIA - 1971
Il Parlamento vota per l'elezione del nuovo Presidente della Repubblica. L'onorevole Giacinto Puppis - pupillo del cardinal Maravidi - ha molte probabilità di avere la meglio sull'altro candidato, l'onorevole Torsello. Devotissimo, morigerato, addirittura inibito, Puppis viene però colto, all'improvviso, da una sorta di raptus verso le donne. Un amico domenicano cerca di aiutarlo sottoponendolo alle cure di un frate psicanalista e lo chiude in un convento femminile. Lì l'onorevole non tarda a sedurre ogni suora e, innamoratosi di una di loro, non ha più interesse alla carica di Presidente e non gli importa più neppure del cardinal Maravidi. Saranno però le sue ingerenze a convincerlo a continuare la corsa alla presidenza, tanto più che il suo avversario, l'onorevole Torsello, è stato eliminato...

CAST

NOTE

- REVISIONE MINISTERO DICEMBRE 1995.

CRITICA

"Si tratta di una farsa indecente e stupida, che non ha nulla a che fare con la satira politica. Pur avendo come protagonisti uomini politici, ecclesiastici, generali coinvolti in un ridicolo tentativo di colpo di stato, la vicenda si riduce, infatti, a una serie di situazioni e scene di sapore squallidamente qualunquistico, prive di un minimo di mordente umoristico e tutte all'insegna del gusto più malsano e volgare." ('Segnalazioni cinematografiche', vol. 73, 1972).
2016 © Copyright - Fondazione Ente dello Spettacolo - Tutti i diritti sono riservati - P.Iva 09273491002
Licenza SIAE 5321/I/5043
ContattiPrivacy